leggendo qua e la

Questa area è dedicata per discutere su metodi biologici usati per la coltivazione delle succulente, oltre ai normali concimi e insetticidi, cosa usi tu?
Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3235
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

leggendo qua e la

Messaggio da leggereda arteebotanica » 27/02/2011, 19:34

oggi leggevo questo:

nella natura ciò che vive non si può dividere in buoni e cattivi, ogni animale e vegetale dal microbo alle sequoie, ha il proprio posto e la propria funzione . Tutto ciò che vive cerca il nutrimento, cerca di moltiplicarsi e di sopravvivere più a lungo e il meglio possibile, I più deboli e incauti o meno preparati son quelli che per prima dovranno farsi da parte o finire divorati. Con questo alternarsi di vita e di morte la natura crea e mantiene il proprio equilibrio, essa si autocoserva con meccanismi delicatissimi di cui fanno parte anche quegli insetti per noi dannosi ma in realtà utili per l'equilibrio dell'intero sistema


la coltivazione biologica tende a mantenere questo equilibrio e quindi una coltivazione biologica avrà sempre in una certa limitata quantità , sia insetti dannosi( ritenuti da noi tali) che insetti utili, gli uni non possono essere senza gli altri e appena interompiamo questa catena è il disastro , ci vogliono comunque anni e pazienza per ottenere questo, su una collezione di piante grasse penso sia ancora più difficoltoso per via degli spazi piccoli e limitati , per non parlare del fatto che le piante sono sotto stress continuo nei vasi imrol3 rebutia:: :0907:
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Avatar utente
ricky
membro forum
membro forum
Messaggi: 324
Iscritto il: 11/09/2010, 23:51
Sesso: uomo
coltivo dal: 2005
Località: Roma

Re: leggendo qua e la

Messaggio da leggereda ricky » 28/02/2011, 10:03

verissimo principio per cui molte asclepiadacee a terra, non vengono aggredite da cocciniglia, cosa invece comunissima nei vasi. Ecco perchè tendo a dare vasi grandi per far si che la pianta abbia spazio per districare le radici..

Avatar utente
titta
membro forum
membro forum
Messaggi: 18
Iscritto il: 18/06/2010, 21:58
coltivo dal: 2008
Località: Padova

Re: leggendo qua e la

Messaggio da leggereda titta » 05/03/2011, 23:28

ricky ha scritto:verissimo principio per cui molte asclepiadacee a terra, non vengono aggredite da cocciniglia, cosa invece comunissima nei vasi. Ecco perchè tendo a dare vasi grandi per far si che la pianta abbia spazio per districare le radici..


Pare proprio che le piante con radici meno sviluppate siano più facilmente attaccate dalla cocciniglia.
Quando svasavo le mie piante con la cocciniglia e trovavo le radici quasi inesistenti io pensavo fosse un effetto dell'attacco della bestiaccia, probabilmente invece la cocci si trova meglio su piante già indebolite.
In agricoltura biologica si usano le micorrize (funghi amici) per proteggere le radici, non so se si possa fare anche con le piante grasse...
Cristina

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3235
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: leggendo qua e la

Messaggio da leggereda arteebotanica » 05/03/2011, 23:56

ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/


Torna a “IL GIARDINO BIOLOGICO”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron