Mammillaria sinforosensis ssp. marionae PN 428

Qui troverete le schede di coltivazione di ogni pianta elencata, compresi etimologia, sinonimi, habitat ecc.
Rispondi
Avatar utente
ferochepassione
membro forum
membro forum
Messaggi: 11
Iscritto il: 19/02/2012, 20:54
Sesso: uomo
coltivo dal: 1980
coltivo in provincia di...: napoli
clima: tipicamente mediterraneo

Mammillaria sinforosensis ssp. marionae PN 428

Messaggio da leggere da ferochepassione » 19/02/2012, 22:55

DSCN3153 [cactus] [cactus].JPG
DSCN3153 [cactus] [cactus].JPG (191.89 KiB) Visto 2410 volte
DSCN3155 [cactus] [cactus].JPG
DSCN3155 [cactus] [cactus].JPG (170.35 KiB) Visto 2410 volte
DSCN3156 [cactus] [cactus].JPG
DSCN3156 [cactus] [cactus].JPG (181.5 KiB) Visto 2410 volte
La prima pianta studiata giunse nelle mani di Holly Gate non molti anni fa e fu denominata Mammillaria lindsayi. Tale pianta pare che abbia presentato fiori gialli. Ci sono anche forme rosse fiorite di questa pianta conosciute variamente come Mammillaria lindsayi v cobrensis, Mammillaria cobrensis o più recentemente come Mammillaria sinforosensis v. cobrensis.
La storia della denominazione di questa specie è alquanto confusa, ma risale alla scoperta originale di Mammillaria lindsayi e rispedita negli Stati Uniti per una successiva identificazione e denominazione come riferito in monograpgh Craig. E' rimasta sconosciuta ancora per un lungo periodo di tempo e nel frattempo che veniva studiata una pianta analoga è stata scoperta e ritenuta Mammillaria lindsayi (quella a forme rosse). Fu solo una innumerevole serie di indagini da parte di Hils degli Schumachers e Plein e di Rogozinski che fecero chiarezza e iniziarono ad emergere notizie certe sulla distribuzione ed infine la sua ridenominazione.
Mentre i tassonomi discuteranno sui relativi nomi che sono stati utilizzati, si ha certamente bisogno di differenziaziarla dalla dalla lindsayi. In quanto tale, almeno per ora, verrà usato il suo nome pubblicato più di recente e cioè Mammillaria sinforosensis. Se la forma a fiori rossi (cobrensis) che è un'altra forma leggermente diversa merita di essere assurta a sottospecie o varietà è un dibattito ancora aperto.
Come molti degli impianti del complesso Mammillaria standleyi, gruppo che la pianta comunque appartiene, proviene dalle alte montagne della Sierra Madre Occidentale nel nord ovest del Messico. La regione de Barranca del Cobre è la sua casa dove si trova in varie località.
Nella coltivazione si rivela una pianta resistente, di alta quota e che necessita di molto sole per fiorire ma abbastanza resistente al freddo se completamente asciutta.

Numero di campo:
PN 425 se riferita a Mammillaria sinforosensis
PN 428; 429; 452; 453; 454 se riferita a Mammillaria sinforosensis ssp. marionae
Salvatore Formicola

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3326
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: Mammillaria sinforosensis ssp. marionae PN 428

Messaggio da leggere da arteebotanica » 20/02/2012, 11:08

grazie per questa bella scheda
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Avatar utente
ferochepassione
membro forum
membro forum
Messaggi: 11
Iscritto il: 19/02/2012, 20:54
Sesso: uomo
coltivo dal: 1980
coltivo in provincia di...: napoli
clima: tipicamente mediterraneo

Re: Mammillaria sinforosensis ssp. marionae PN 428

Messaggio da leggere da ferochepassione » 22/02/2012, 16:45

Grazie a voi tutti. Ne seguiranno altre tutte per singole piante.
Salvatore Formicola

Rispondi