sfondo nero

Sezione dedicata alla fotografia delle nostre piante, trucchi e tecniche per fotografare meglio
Avatar utente
Lakota
membro forum
membro forum
Messaggi: 50
Iscritto il: 15/07/2011, 12:32
Sesso: Uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: VA
clima: Temperato
Contatta:

Re: sfondo nero

Messaggio da leggere da Lakota » 16/07/2011, 9:01

Premesso che la foto deve nascere nella nostra testa, nella capacità di immaginare il risultato finale da parte del nostro cervello e la fotocamera sia solo lo strumento per dare concretezza a questo pensiero astratto, voglio davi alcuni semplici consigli tecnici saltando tutta la parte della scelta di una fotocamera piuttosto che un'altra.
L'unica cosa che mi interessa dire è che quando acquistate una macchina fotografica pensate a quello che vorrete fare con la stessa e che una compatta, si parla ovviamente di fotocamere digitali, non da gli stessi risultati di un reflex.
Come fotografare una pianta
La Luce
L'immagine dovrà essere gradevole all'occhio di chi la guarda, soffice e non dovrà dare una sensazione di disturbo, pertanto la pianta dovrà essere posizionata in favore dell'obiettivo, nel modo che risulti gradevole guardarla, dovrà essere dritta ed in quadro con l'asse del fuoco per non dare la sensazione di deformazioni indesiderate.
Andranno anche estratte dal vaso etichette segna nome e qualunque oggetto che svierebbe l'attenzione dalla pianta stessa in modo che l'occhio dell'osservatore sia solo attratto dal soggetto.
Provate più posizioni e distanze prima di scattare e scattate più foto dello stesso soggetto, userete l'immagine migliore tanto con le moderne fotocamere digitali le foto buttate non hanno nessun costo.
Per dare all'immagine una sensazione di morbidezza, è necessario scattare la foto con il soggetto in ombra luminosa, non sono necessari macchinari costosi, fari ed ombrellini fotografici, basta scattare la foto come nel disegno qua sotto, usando uno sfondo nero sarà possibile concentrare lo sguardo dell'osservatore solo sul soggetto da noi ritratto senza distrazione alcuna causata da particolari che contornano l'immagine da noi ritratta :
Se non avete uno sfondo come quello, potete usate un tessuto nero non lucido sulla spalliera di una sedia.
Con questo sistema eviterete che l'immagine risulti rigida e dura con chiari e scuri fastidiosi.
OMBRA LUMINOSA
Ecco come dovrebbe essere lo schema per scattare in ombra lunminosa
001 schema .jpg
001 schema .jpg (46.65 KiB) Visto 9649 volte
Queste sono foto scattate in varie situazioni di luminosità per mostrare come saranno le vostre immagini usando modi diversi di ripresa
Questa è una foto scattata in pieno sole senza troppo pensare alla messa a fuoco con altri soggetti sullo sfondo
002 I° foto .jpg
002 I° foto .jpg (50.73 KiB) Visto 9649 volte
Questa è stata scattata in pieno sole con sfondo nero senza soggetti di disturbo sullo sfondo
003 II° foto .jpg
003 II° foto .jpg (40.65 KiB) Visto 9649 volte
Questa è stata scattata in ombra luminosa con sfondo nero controllando la messa a fuoco e in profondità di campo
004 III° foto.jpg
004 III° foto.jpg (42.33 KiB) Visto 9649 volte
La differenza si vede eccome
Poi con un piccolo e ponderato ritocco fotografico sarà possibile migliorare ulteriormente i risultati
Come scattare una foto
Molte fotocamere reflex, hanno la possibilità di scattare sia in modalità automatica che manuale
E' importante che la macchina fotografica sia montata su un cavalletto fotografico per evitare vibrazioni indesiderate che producono mossi nell’immagine.
La foto dovrà essere scattata in modalità Profondità di Campo perché con questa tecnica sarà possibile avere a fuoco tutte le parti del soggetto.
La maggior parte delle macchine fotografiche ha un pulsante per il controllo della messa a fuoco; in questa modalità è bene controllare prima di scattare ed eventualmente allontanarsi quanto basta dal soggetto, usando un macro e questa modalità a volte bastano da pochi mm a pochi cm.
Ovviamente in questa modalità il diaframma sarà molto chiuso, provocando così un scatto con tempi molto lunghi, a volte anche di alcuni secondi, sarà quindi importante, quando si eseguono queste riprese, montare la macchina fotografica su un cavalletto.
La sensibilità andrà programmata su 100 Iso./Asa
Per eliminare completamente le vibrazioni, sarà importante usare la fotocamera nella funzione autoscatto o il pulsante manuale a distanza o un telecomando ad infrarossi.

Per particolari tipi di piante, per esempio quelle con spine molto bianche, c’è il pericolo che la luminosità dell'immagine sia elevata a causa dei tempi lunghi, provocando sulle parti bianche sovraesposizioni indesiderate con perdita di dettagli in quelle zone.
E' bene in questo caso allontanarsi dal soggetto per avere a fuoco il più possibile, programmare la fotocamera in modalità (priorità dei tempi) ed usare un tempo più veloce scattando più immagini, programmando tempi differenti si userà l'immagine migliore visto che con le digitali non rischiamo di gettare denaro per lo sviluppo e la stampa su carta
Che dire? ancora?
Di cose da dire ce ne sarebbero ancora molte questo non vuole essere un corso fotografico seguendo queste semplici indicazione sarà facile produrre immagini gradevoli senza troppa spesa, quando la passione arriverà si vedrà.

Spero di essere stato chiaro perché non ci vogliono cose supertecnologiche per scattare una bella immagine
Ci vuole una discreta attrezzatura conoscere un po’ di tecnica ma soprattutto molta ma molta fantasia
Buone immagini a tutti
Ultima modifica di Lakota il 17/07/2011, 8:30, modificato 3 volte in totale.
Marco
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3441
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: sfondo nero

Messaggio da leggere da arteebotanica » 16/07/2011, 23:14

Grazie Lakota per questo tuo interessante intervento, se mi dai il consenso lo inserisco nel sito aias nella sezione articoli dei soci
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Avatar utente
Lakota
membro forum
membro forum
Messaggi: 50
Iscritto il: 15/07/2011, 12:32
Sesso: Uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: VA
clima: Temperato
Contatta:

Re: sfondo nero

Messaggio da leggere da Lakota » 17/07/2011, 8:20

Consenso accordato Lorenzo congratulations_cut:
Marco
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Avatar utente
TrinITroN
moderatore
moderatore
Messaggi: 318
Iscritto il: 31/05/2010, 22:23
coltivo dal: 2005
Località: Alfonsine (RA)
Contatta:

Re: sfondo nero

Messaggio da leggere da TrinITroN » 19/07/2011, 23:12

Bravo Marco, sintetico ed incisivo. Aspettiamo il tuo prossimo intervento...
Alessandro
"La felicità è l'euforia di un momento"

I miei video


Alt. 5 m s.l.m. - Lat. 44° 50' 79" N - Long. 12° 02' 35" E

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3441
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: sfondo nero

Messaggio da leggere da arteebotanica » 20/07/2011, 13:07

tra poco sono in ferie e allora mi ricaverò del tempo e lo pubblico sulla sezione articoli dei soci del forum, metto un avviso qui quando sarà fatto. un ringraziamento a te e a tutti quelli che in futuro lasceranno delle esperienze o suggerimenti utili da inserire nel sito
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Avatar utente
Lakota
membro forum
membro forum
Messaggi: 50
Iscritto il: 15/07/2011, 12:32
Sesso: Uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: VA
clima: Temperato
Contatta:

Re: sfondo nero

Messaggio da leggere da Lakota » 21/07/2011, 22:11

Sono tornato oggi da tre gg di relax sul Garda, appena possibile posterò un piccolo saggio sulla cosruzione dello sfondo pieghevole se va bene lo posto su questo stesso topic se no ditemi voi dove inserirlo beer_green5
Marco
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3441
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: sfondo nero

Messaggio da leggere da arteebotanica » 21/07/2011, 23:09

bravo_2 mettilo pure qui.
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Avatar utente
Lakota
membro forum
membro forum
Messaggi: 50
Iscritto il: 15/07/2011, 12:32
Sesso: Uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: VA
clima: Temperato
Contatta:

Re: sfondo nero

Messaggio da leggere da Lakota » 31/07/2011, 19:38

Autocostruirsi uno sfondo con poca spesa

Costruirsi uno sfondo fotografico pieghevole per far si che una volta ritirato occupi poco spazio è molto semplice, bastano un po’ di inventiva e manualità
Sarà quindi necessario limitare il più possibile la spesa avendo il massimo risultato in termini di utilizzo e di occupazione dello spazio una volta terminato di fotografare.
Con questo obiettivo, ho deciso di costruire uno sfondo che aperto si sorreggesse da se, con la possibilità di essere chiuso su se stesso e diventare così una tavola doppia dello spessore totale di di 2 cm.
Ho acquistato al fai da te, due piani di legno multistrato da mm 600 x 800 per mm 10 di spessore perché abbastanza rigido e leggero e le misure sono sufficienti per fotografare piante anche di considerevoli dimensioni.
Due cerniere con apertura a 90° una catenella lunga m 1,50, 4 gancini da legno, viti varie per il fissaggio delle cerniere.
Le solite bombolette (2) di vernice nera opaca. Panno nero pesante ( non si deve vedere la trama del tessuto) da stendere sul legno.
Il montaggio è stato effettuato in questo modo.
Lo sfondo si deve poter chiudere per essere ritirato e deve stare aperto auto reggendosi quando è in uso, essendo la chiusura, bloccata dalle catenelle alle estremità.
Le cerniere danno la possibilità allo sfondo di ripiegarsi all'indietro per poterlo chiudere, ma quando i pannelli sono aperti a 90° e fermati con le catenelle, lo sfondo diventa auto portante.
Il tutto verniciato di nero opaco.
Spesa 20 € circa più 10 euro del panno nero
Ecco le foto
001 (Medium).jpg
Lo sfondo aperto senza telo nero opaco
001 (Medium).jpg (54.02 KiB) Visto 9586 volte
002 (Medium).jpg
002 (Medium).jpg (26.03 KiB) Visto 9586 volte
003 (Medium).jpg
003 (Medium).jpg (17.63 KiB) Visto 9586 volte
004 (Medium).jpg
La catenella di fissaggio, per mantenere l'apertura, se no
cadrebbe all'indietro, le catenelle sono presenti sui due lati
004 (Medium).jpg (55.47 KiB) Visto 9586 volte
005 (Medium).jpg
005 (Medium).jpg (47.48 KiB) Visto 9586 volte
006 (Medium).jpg
Cerniera a 90° che si può ribaltare totalmente all'indietro per permettere alle due parti dello sfondo di combaciare.
Una volta aperta a 90°si blocca e non si apre oltre,non permettendo alle due parti di ricadere su se stesse in avanti mentre le catenelle fissate ai ganci bloccano il ribaltamento indietro della parte in piedi
006 (Medium).jpg (55.38 KiB) Visto 9586 volte
007 (Medium).jpg
007 (Medium).jpg (48.8 KiB) Visto 9586 volte
008 (Medium).jpg
Una volta sganciate le catenelle lo sfondo si ribalta all'indietro a libro facendo combaciare le due parti.
008 (Medium).jpg (74.1 KiB) Visto 9586 volte
009 (Medium).jpg
Lo sfondo chiuso, pronto per essere ritirato occupando poco spazio
009 (Medium).jpg (61.34 KiB) Visto 9586 volte
Per rendere morbide le immagini, sarà necessario stendere un panno nero o di altro colore a piacimento, l'importante che sia un tessuto che non rifletta la luce
Il panno, volendo, lo si può fissare con del velcro adesivo al legno dello sfondo e al panno stesso per aver modo di fissarlo senza pieghe o grinze che apparirebbero nell'immagine
Spero che le spiegazioni siano abbastanza comprensibili e che possano cmq servire a chi volesse costruirsi uno sfondo poco ingombrante con una spesa contenuta
Marco
Non acquistiamo piante prelevate in natura

Rispondi