mammillaria con problema

Qui parliamo della coltivazione, essa comprende, la semina, la crescita, la cura alle malattie e parassiti, il terriccio e insomma tutto quello che centra con la crescita delle nostre piante
Rispondi
Lelio
membro forum
membro forum
Messaggi: 20
Iscritto il: 03/11/2012, 10:00
Sesso: Uomo
coltivo dal: 2012
coltivo in provincia di...: Agrigento
clima: mite, molto caldo in estate

mammillaria con problema

Messaggio da leggere da Lelio » 15/05/2013, 18:58

Ho un problema con una mammillaria che molto probabilmente è stata danneggiata a causa di allevamento sbagliato. Questa mammillaria non era nostra, lo è diventata quando chi abitava l'appartamento prima di noi ce l'ha lasciata, non potendo portarla con sé; erano tre piante distinte allevate in un solo vaso, molto vicine tra loro, tanto vicine da crescere inclinate verso l'esterno del vaso; da quando le ho viste, a fine 2011, pensavo che forse era meglio separarle, ma non mi decidevo mai a farlo, forse a causa del fatto che non erano veramente "mie". Quest'inverno mi sono accorto che una delle tre "teste" era improvvisamente marcita, stranamente a partire dall'alto, tanto da renderla irrecuperabile; ho immediatamente svasato la pianta e ho delicatamente separato le due teste sane da quella marcia, salvando quasi tutte le radici; anzi, anche se il periodo non era favorevole, ho separato chirurgicamente un grosso pollone ancora sano dalla pianta madre già morta, e sembra che abbia avuto successo. Il problema è che forse a causa dell'eccessiva vicinanza fra le tre piante, le due superstiti hanno la parte basale conica, più stretta della parte superiore, anzi la più grande, che ha un diametro di circa 13 cm. per un'altezza della parte fuori terra di 15 cm. ha la parte conica molto più stretta e piccola dell'altra, che ha un diametro di 10,5 ed altezza 10,5. Il risultato è che la più piccola è perfettamente salda nel vaso, mente la grande non riesce proprio a stare salda: basta il vento a farla inclinare. Come potete intuire dalle foto, alla base della pianta, nella parte ancora stretta, c'è un pollone che non ho voluto ricoprire di terra, non sapendo cosa avrei causato. Cosa mi conviene fare? piantare più profondamente, o tagliare la parte piccola sperando che la pianta attecchisca, e in questo caso a che altezza? Non ho esperienza, e non sono pregiudizialmente contrario a nulla, vorrei trovare una soluzione che mi dia le migliori speranze di risultati, immediati e futuri. Allego tre foto per spiegarmi meglio.
Allegati
DSCN0861.JPG
Pianta intera
DSCN0861.JPG (167.85 KiB) Visto 3420 volte
DSCN0858.JPG
Particolare 1 (notate i polloni)
DSCN0858.JPG (156.6 KiB) Visto 3420 volte
DSCN0857.JPG
Particolare 2
DSCN0857.JPG (153.26 KiB) Visto 3420 volte

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3358
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: mammillaria con problema

Messaggio da leggere da arteebotanica » 16/05/2013, 9:44

Per iniziare direi che hai un terreno troppo torboso, secondo me dovresti aggiungere ancora un 50% di lapillo o simili, per la stabilità della pianta potresti mettere delle rocce a sostegno che danno anche un aspetto naturale all'ambiente, oppure se te la senti prova a tagliare, lasciare ben asciugare e poi far radicare, anche perchè quella parte malmessa potrebbe essere causa di prossimi marciumi.
La parte basale più stretta è spesso cosa naturale tra molte cactaceae, in natura le piante si adagiano al terreno emettono polloni e formano cespi che si sostengono a vicenda.
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Lelio
membro forum
membro forum
Messaggi: 20
Iscritto il: 03/11/2012, 10:00
Sesso: Uomo
coltivo dal: 2012
coltivo in provincia di...: Agrigento
clima: mite, molto caldo in estate

Re: mammillaria con problema

Messaggio da leggere da Lelio » 16/05/2013, 11:54

Sono quasi convinto a tagliare, anche perché mi pare che sia la soluzione che, a fronte di qualche rischio immediato, offra le migliori garanzie di riuscita futura. Ho letto il tuo post sulla torba acida di sfagno: dato che non ho problemi a tenerla asciutta (è facile che non piova più fino a settembre inoltrato), mi conviene usarla, pura o miscelata? Per quanto riguarda il terreno, ho difficoltà a reperire i materiali di cui leggo, quindi mi accontento di un terriccio per cactus acquistato presso un negozio. Comunque, ti posso garantire che, al di là dell'impressione, sgronda molto velocemente e non trattiene molta umidità; certo, non è molto consistente, e sicuramente ha contribuito ad accentuare il problema, ma trovo solo questo. In ogni caso, la più piccola, che ha la parte conica quasi uguale al resto della pianta, è molto stabile.

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3358
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: mammillaria con problema

Messaggio da leggere da arteebotanica » 16/05/2013, 12:49

quello comprato cosi come è solitamente è troppo ricco di torba cerca di miscelarlo con della sabbia grossolana, se non calcarea è meglio, oppure del mattone pestato ( avanzi di vaso ad esempio) non usare in questo caso la torba acida ( la cosa al momento è sperimentata con piante grasse non cactaceae) , ma fai ben asciugare il taglio per alcuni giorni e poi appoggia interrando solo mezzo cm, la pianta in sabbia finchè radica, senza bagnare per i primi giorni poi inizia a stimolare nebulizzando e solo dopo del tempo bagna un pochino , solo quando emesso le radici invasa
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Lelio
membro forum
membro forum
Messaggi: 20
Iscritto il: 03/11/2012, 10:00
Sesso: Uomo
coltivo dal: 2012
coltivo in provincia di...: Agrigento
clima: mite, molto caldo in estate

Re: mammillaria con problema

Messaggio da leggere da Lelio » 16/05/2013, 15:40

E riguardo al punto di taglio che dici? Pensavo di tagliare tra il primo ed il secondo pollone, dove si forma il gradino, o mi conviene tagliare immediatamente sopra il pollone più alto? Il pollone lasciato a livello del punto di interro potrebbe dare problemi?

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3358
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: mammillaria con problema

Messaggio da leggere da arteebotanica » 17/05/2013, 12:09

a rivedere le foto un pò mi lascia perplesso il tagliare, hai valutato bene il fatto di poter far accrescere i polloni ( magari ne fa altri attorno) in modo che col tempo formino un bel gruppo e nascondono anche la parte brutta della pianta? basterebbe tenerla ben d'occhi e tagliare poi solo se si ripresentano i sintomi di infezioni da marciume,se decidi proprio per il taglio io lo farei sopra i polloni magari lasciando almeno 1 o 2 cm, in modo che possa emetterne altri e formare un cespo
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Lelio
membro forum
membro forum
Messaggi: 20
Iscritto il: 03/11/2012, 10:00
Sesso: Uomo
coltivo dal: 2012
coltivo in provincia di...: Agrigento
clima: mite, molto caldo in estate

Re: mammillaria con problema

Messaggio da leggere da Lelio » 19/05/2013, 23:48

Ti ringrazio per la risposta, cercherò di temporeggiare ancora per vedere come si evolve; certo, se facesse altri polloni che contribuirebbero a sostenerla non ci sarebbe più bisogno di tagliare.

Rispondi