due identificazioni, grazie

Un aiuto nel riconoscere queste sconosciute
quaquoco
membro forum
membro forum
Messaggi: 10
Iscritto il: 11/07/2010, 1:09
Sesso: donna
coltivo dal: 1985
Contatta:

due identificazioni, grazie

Messaggio da leggere da quaquoco » 14/07/2010, 0:44

avrei queste due sconosciute in ricerca di identità, grazie
Allegati
luglio 2010 033.jpg
fiore
luglio 2010 033.jpg (17.11 KiB) Visto 3347 volte
luglio 2010 021.jpg
luglio 2010 021.jpg (21.58 KiB) Visto 3347 volte
luglio 2010 018.jpg
particolare
luglio 2010 018.jpg (18.33 KiB) Visto 3347 volte
luglio 2010 017.jpg
luglio 2010 017.jpg (31.71 KiB) Visto 3347 volte

Antonietta
membro forum
membro forum
Messaggi: 44
Iscritto il: 16/06/2010, 10:31
coltivo dal: 1980
Località: Tolentino (MC)
Contatta:

Re: due identificazioni, grazie

Messaggio da leggere da Antonietta » 14/07/2010, 9:38

Ciao, la seconda è un bellissimo esemplare di Echidnopsis cereiformis.
Della prima non riesco a vedere bene la pianta, il fiore mi fa venire in mente un Anacampseros.

Avatar utente
laspinosetta
membro forum
membro forum
Messaggi: 97
Iscritto il: 14/06/2010, 11:55
coltivo dal: 2010
Località: roma
Contatta:

Re: due identificazioni, grazie

Messaggio da leggere da laspinosetta » 14/07/2010, 11:55

la Echidnopsis cereiformis è formidabile, nè ho una anch'io, la mia è piccolina, ma ha già fatto questi stupendi fiorellini color tuorlo d'uovo

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3441
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: due identificazioni, grazie

Messaggio da leggere da arteebotanica » 14/07/2010, 12:57

la prima è un anacampseros con molta probabilità una A.filamentosa o specie affine, certo che mi sembra molto filata, forse troppo nutrita
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

quaquoco
membro forum
membro forum
Messaggi: 10
Iscritto il: 11/07/2010, 1:09
Sesso: donna
coltivo dal: 1985
Contatta:

Re: due identificazioni, grazie

Messaggio da leggere da quaquoco » 14/07/2010, 13:27

arteebotanica ha scritto:la prima è un anacampseros con molta probabilità una A.filamentosa o specie affine, certo che mi sembra molto filata, forse troppo nutrita


Ciao, intanto grazie per l'identificazione-
Troppo nutrita in che senso? Io le do solo un po' d'acqua, come nutrimento solo un po' di concime per succulente diluito quasi il doppio del dovuto al memento della ripresa vegetativa e null'altro

quaquoco
membro forum
membro forum
Messaggi: 10
Iscritto il: 11/07/2010, 1:09
Sesso: donna
coltivo dal: 1985
Contatta:

Re: due identificazioni, grazie

Messaggio da leggere da quaquoco » 14/07/2010, 13:30

:15: vado subito a mettere didascalia alle foto

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3441
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: due identificazioni, grazie

Messaggio da leggere da arteebotanica » 14/07/2010, 23:45

mi sembra troppo sviluppata o filata, penso a un terreno troppo ricco forse più povero, gli anacampseros che ho vedo amno terreno molto povero aridità e molto sole, allora restano più compatti , mentre quelli su terreni più umidi e ricchi, o magari troppo vicini a piante che ombreggiano tendono a filare, non prendermi alla lettera però, potrei aver sbagliato l'identificazione e che quindi il portamento del tuo anacampseros sia giusto
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

quaquoco
membro forum
membro forum
Messaggi: 10
Iscritto il: 11/07/2010, 1:09
Sesso: donna
coltivo dal: 1985
Contatta:

Re: due identificazioni, grazie

Messaggio da leggere da quaquoco » 15/07/2010, 23:09

arteebotanica ha scritto:mi sembra troppo sviluppata o filata, penso a un terreno troppo ricco forse più povero, gli anacampseros che ho vedo amno terreno molto povero aridità e molto sole, allora restano più compatti , mentre quelli su terreni più umidi e ricchi, o magari troppo vicini a piante che ombreggiano tendono a filare, non prendermi alla lettera però, potrei aver sbagliato l'identificazione e che quindi il portamento del tuo anacampseros sia giusto
io infatti l'ho in una posizione molto ombregiata, metterla al sole credevo si bruciasse, anche perchè ho il terrazzo esposto a sud oves e praticamente batte il sole tutto il giorno,adesso non credo sia il caso di spostarla, il trauma sarebbe troppo grande, vedrò il prossimo anno di adattarla gradualmente.
Tu che ne dici???

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3441
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: due identificazioni, grazie

Messaggio da leggere da arteebotanica » 15/07/2010, 23:19

io la tengo esposta tutto il giorno, son piante che amano il sole,la povertà e l'aridità, si puoi adattarla gradualmente, anche se i rischi qui son pochi, le cactaceae se si scottano ci vogliono anni e anni per nascondere il trauma ma per queste speci basta tagliare e recuperano bene, il problema del graduale è che ti rimengono i rami allungati fuori dal normale, comunque vai graduale e caso mai dopo vedi se sia il caso ti tagliare quelli più allungati
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

quaquoco
membro forum
membro forum
Messaggi: 10
Iscritto il: 11/07/2010, 1:09
Sesso: donna
coltivo dal: 1985
Contatta:

Re: due identificazioni, grazie

Messaggio da leggere da quaquoco » 15/07/2010, 23:44

arteebotanica ha scritto:io la tengo esposta tutto il giorno, son piante che amano il sole,la povertà e l'aridità, si puoi adattarla gradualmente, anche se i rischi qui son pochi, le cactaceae se si scottano ci vogliono anni e anni per nascondere il trauma ma per queste speci basta tagliare e recuperano bene, il problema del graduale è che ti rimengono i rami allungati fuori dal normale, comunque vai graduale e caso mai dopo vedi se sia il caso ti tagliare quelli più allungati

domani vedrò cosa posso fare, ne ho un'altra che mi sembra simile ma con foglie più grandi. I fiori non sono mai riuscita a vederli, vedo i boccioli e poi le sementi, anche loro probabilmnte stanno aperti pochissime ore e forse di notte. Se riesco domani faccio :foto:

Rispondi