tantissime, robustissime e... sconosciute!

Un aiuto nel riconoscere queste sconosciute
Rispondi
Avatar utente
Franco72
membro forum
membro forum
Messaggi: 252
Iscritto il: 31/03/2014, 16:49
Sesso: Uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: CN
clima: mite estivo + freddo invernale, + serra
Località: provincia di Cuneo
Contatta:

tantissime, robustissime e... sconosciute!

Messaggio da leggere da Franco72 » 01/05/2017, 17:24

Per una volta che una semina (del 2016) mi va così bene da restituirmi una cinquantina di piante in ottima salute e già dal diametro di quasi 1,5 cm... beer_green5

Ecco che ci risiamo con la perdita del cartellino!!! disperata:

Chi mi aiuta a capire di cosa può trattarsi? Io qualche idea ce l'avrei: so che lo scorso anno ho seminato "anche" degli Echinocactus e dei Ferocactus, ma anche tanti altri generi...

Comunque per l'anno in corso ho adottato dei sistemi infallibili per evitare che la perdita ma soprattutto la cancellazione del cartellino torni a ripetersi cammina:
Allegati
IMG_9661.jpg
IMG_9661.jpg (254.8 KiB) Visto 2262 volte
IMG_9663.jpg
IMG_9663.jpg (172.67 KiB) Visto 2262 volte
IMG_9662.jpg
IMG_9662.jpg (149.53 KiB) Visto 2262 volte

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3358
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: tantissime, robustissime e... sconosciute!

Messaggio da leggere da arteebotanica » 01/05/2017, 17:41

Troppo piccoli devi aspettare almeno tre anni per capirci qualcosa
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Avatar utente
opunzia
moderatori globali
moderatori globali
Messaggi: 1351
Iscritto il: 20/05/2010, 15:33
Sesso: donna
coltivo dal: 1998
coltivo in provincia di...: Padova
clima: caldo umido estivo, freddo umido invernale
Socio A.I.A.S. ?: si
Dove tengo le piante in estate ?: dentro e fuori casa
dove le tieni in inverno ?: all'aperto, in casa e in serra

Re: tantissime, robustissime e... sconosciute!

Messaggio da leggere da opunzia » 01/05/2017, 18:11

potrebbero essere Gymnocalicium io scriverei il nome sul vaso della semina oppure attraerso un codice riportato in un quaderno come fa Mario. copunque io riesco a perdere il nome lo stesso consolati e aspetta tre anni !!!
buona domenica opunzia
ciao ciao ImmagineOpunzia

Pianura veneta 12 mt slm
estate afosa, inverno umido e nebbioso
https://www.facebook.com/groups/amici.aias" onclick="window.open(this.href);return false;

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3358
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: tantissime, robustissime e... sconosciute!

Messaggio da leggere da arteebotanica » 01/05/2017, 20:27

pensavo anche io ma sono piccoli slo u anno, scrivere un numero non è meglio anche perchè se poi perde il numero siamo alla stessa cosa, meglio subito il nome cosi sai con cosa hai da fare quando vedi il vasetto altrimenti non ti ricordi cosa sono e non sai come agire , oppure sei costretto ad avere sempre con te un diario, la cosa migliore è mettere il classico cartellino scritto a matita non penna che scolorisce, non capisco come fai a perderli
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Avatar utente
Franco72
membro forum
membro forum
Messaggi: 252
Iscritto il: 31/03/2014, 16:49
Sesso: Uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: CN
clima: mite estivo + freddo invernale, + serra
Località: provincia di Cuneo
Contatta:

Re: tantissime, robustissime e... sconosciute!

Messaggio da leggere da Franco72 » 02/05/2017, 10:49

Grazie a tutti... in realtà i casi di "smarrimento" dei cartellini si dividono in quelli veramente smarriti (perchè trasferendo i contenitori si perdono, o perchè una piccola bambina vivace si diverte a sfilarli e magari anche ad invertirli), ed in quelli che semplicemente si scoloriscono per il sole o per trattamenti antiparassitari.
Quest'anno per la prima volta ho provato un sistem nuovo: matita vera e propria di grafite (invece del pennarello per quanto "indelebile") e sopra copertura di schotch trasparente. E tanta pazienza nello spiegare le cose alla mia piccola!
Vi saprò dire questo autunno se hanno tenuto la prova del tempo e della manine.
ciao

Rispondi