parliamo di caudiciformi

Qui troverete le schede di coltivazione di ogni pianta elencata, compresi etimologia, sinonimi, habitat ecc.
Avatar utente
Claudex
socio AIAS
socio AIAS
Messaggi: 1652
Iscritto il: 21/06/2010, 22:49
coltivo dal: 1986
Località: Roma

parliamo di caudiciformi

Messaggio da leggere da Claudex » 20/08/2010, 0:37

C O L T I V A Z I O N E
notizie prese dal libro: Piante grasse di Gordon Rowley (ed. Zanichelli - 1986)

Piante provviste di un caudex, in base al fatto che immagazzinino acqua per mezzo delle foglie o dei fusti o delle radici,
o per mezzo di tutti e tre gli organi.
Le piante caudiciformi si adattano bene a regioni pianeggianti, povere, semidesertiche, suscettibili di periodici incendi.
Per sopportare queste condizioni esse si modificano; una delle strategie di sopravvivenza messe in atto è appunto quella
di concentrare le loro riserve di acqua e di sostanze organiche a livello del terreno o al di sotto di esso.
E’ da notare che gran parte della flora mondiale, in tutte le zone climatiche, sviluppa grandi organi sotterranei.
Altre piante possono essere indotte a diventare temporaneamente caudiciformi se vengono trattate come bonsai:
vasi piccoli, terreno povero, poca acqua e drastiche potature.
Una caratteristica comune a tutte le piante caudiciformi è l’assenza di un’alternanza fra stagioni di crescita e di riposo.
Il ciclo è annuale in coltivazione, sebbene nel loro ambiente naturale i periodi di riposo possano essere più lunghi e siano determinati dagli irregolari intervalli tra le piogge.
Durante il periodo di riposo gli organi fotosintetici provvisori muoiono o sono fortemente ridotti, sicchè non c’è alcun bisogno di annaffiature ad eccezione di una leggerissima rinfrescata del terreno per evitare che le radici si secchino eccessivamente.
Una specie differisce dall’altra per la cadenza della stagione di riposo, quindi, piuttosto che regolarsi con il calendario, è meglio giudicare la necessità di annaffiature in base al risveglio vegetativo o comunque alla fine del riposo.
La robustezza delle piante caudiciformi varia notevolmente: dalle fragili tropicali alla più resistente di tutte le succulente,
il circumpolare Sedum rosea.
Un principiante potrebbe coltivare con successo le seguenti piante, se la temperatura minima invernale è di 5°C : KEDROSTIS, CYPHOSTEMMA, PELARGONIUM, NOLINA, PACHYPODIUM, DIOSCOREA, FOUQUIERIA e le nane COTYLEDON.
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Le mie caudiciformi si trovano quasi tutte nella veranda e la temperatura d'inverno non scende mai sotto i + 12 C°
l'unico inconveniente è che da ottobre a marzo non ricevono i raggi solari; ecco perchè alcune piante pur vegetando e ramificando non fioriscono o fioriscono con meno intensità.
Altre caudiciformi, tra cui la Chorisia speciosa si trovano in balcone esposte a nord-est
:foto: :foto: :foto:
PACHYPODIUM geayi.JPG
(particolare spine sul tronco)
PACHYPODIUM geayi.JPG (29.82 KiB) Visto 25046 volte
ORNITHOGALUM dubium (1).jpg
(il caudex si trova sotto terra)
ORNITHOGALUM dubium (1).jpg (37.13 KiB) Visto 25046 volte
ORNITHOGALUM dubium (2).JPG
ORNITHOGALUM dubium (2).JPG (19.17 KiB) Visto 25046 volte
ORNITHOGALUM dubium (3).JPG
ORNITHOGALUM dubium (3).JPG (16.11 KiB) Visto 25046 volte
DORSTENIA foetida (2).JPG
(particolare foglie e fiore "vecchio")
DORSTENIA foetida (2).JPG (21.99 KiB) Visto 25046 volte
DORSTENIA foetida (4).JPG
(particolare fiore "vecchio")
DORSTENIA foetida (4).JPG (20.52 KiB) Visto 25046 volte
DORSTENIA foetida (5).JPG
(particolare fiore "nuovo")
DORSTENIA foetida (5).JPG (21.14 KiB) Visto 25046 volte
DORSTENIA foetida (6).JPG
(particolare fiore "nuovo")
DORSTENIA foetida (6).JPG (23.43 KiB) Visto 25046 volte
Ultima modifica di Claudex il 31/08/2010, 0:31, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Claudex
socio AIAS
socio AIAS
Messaggi: 1652
Iscritto il: 21/06/2010, 22:49
coltivo dal: 1986
Località: Roma

Re: parliamo di caudiciformi

Messaggio da leggere da Claudex » 20/08/2010, 1:06

(seconda parte)

Famiglie che appartengono alle caudiciformi sono:
Anacardiaceae, Apocynaceae, Asclepiadaceae, Burseraceae, Cochlospermaceae, Compositae, Convolvulaceae, Crassulaceae,
Cucurbitaceae, Dioscoreaceae, Euphorbiaceae, Fouquieriaceae, Geraniaceae, Moraceae, Passifloraceae, Pedaliaceae, Portulacaceae, Vitaceae.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
:foto: :foto: :foto:
EUPHORBIA cylindrifolia var. tuberifera (1).JPG
EUPHORBIA cylindrifolia var. tuberifera (1).JPG (23.63 KiB) Visto 25045 volte
EUPHORBIA cylindrifolia var. tuberifera (2).JPG
EUPHORBIA cylindrifolia var. tuberifera (2).JPG (20.57 KiB) Visto 25045 volte
EUPHORBIA cylindrifolia var. tuberifera (3).JPG
EUPHORBIA cylindrifolia var. tuberifera (3).JPG (17.52 KiB) Visto 25045 volte
EUPHORBIA decaryi.JPG
EUPHORBIA decaryi.JPG (29 KiB) Visto 25045 volte
EUPHORBIA francoisii.JPG
(il colore delle foglioline cambia da pianta a pianta)
EUPHORBIA francoisii.JPG (22.91 KiB) Visto 25045 volte
EUPHORBIA morattii var. multiflora (1).jpg
EUPHORBIA morattii var. multiflora (1).jpg (41.29 KiB) Visto 25045 volte
EUPHORBIA morattii var. multiflora (2).JPG
EUPHORBIA morattii var. multiflora (2).JPG (20.42 KiB) Visto 25045 volte
EUPHORBIA morattii var. multiflora (3).JPG
EUPHORBIA morattii var. multiflora (3).JPG (15.84 KiB) Visto 25045 volte
EUPHORBIA morattii var. multiflora (4).JPG
EUPHORBIA morattii var. multiflora (4).JPG (14.54 KiB) Visto 25045 volte
Ultima modifica di Claudex il 31/08/2010, 0:33, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Claudex
socio AIAS
socio AIAS
Messaggi: 1652
Iscritto il: 21/06/2010, 22:49
coltivo dal: 1986
Località: Roma

Re: parliamo di caudiciformi

Messaggio da leggere da Claudex » 20/08/2010, 1:19

(terza parte)

Questa caudiciforme mi ha dato sempre dei grossi problemi sia di vegetazione che di fioritura; alla fine della storia l'ho portata e rinvasata insieme ad altre piante succulente nella "famosa ciotola delle composizioni", al museo dove lavoro.
Ho messo un pò di polvere di radicante sotto il caudex e...................aspetto !!!!!
Nella ciotola si trovano sia piante in ottima salute che quelle malaticcie o semimorte; ma con il tempo, speriamo si riprenderanno (sole, luce, acqua, aria, freddo, caldo) ne hanno abbastanza; alcune hanno di nuovo vegetato e fiorito.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
:foto: :foto: :foto:
PTERODISCHUS speciosus (1).JPG
PTERODISCHUS speciosus (1).JPG (19.92 KiB) Visto 25045 volte
PTERODISCHUS speciosus (2).JPG
PTERODISCHUS speciosus (2).JPG (21.46 KiB) Visto 25045 volte
PTERODISCHUS speciosus (3).JPG
PTERODISCHUS speciosus (3).JPG (23.32 KiB) Visto 25045 volte
PTERODISCHUS speciosus (4).JPG
PTERODISCHUS speciosus (4).JPG (23.9 KiB) Visto 25045 volte
PTERODISCHUS speciosus (5).JPG
PTERODISCHUS speciosus (5).JPG (21.59 KiB) Visto 25045 volte
Ultima modifica di Claudex il 31/08/2010, 0:34, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Claudex
socio AIAS
socio AIAS
Messaggi: 1652
Iscritto il: 21/06/2010, 22:49
coltivo dal: 1986
Località: Roma

Re: parliamo di caudiciformi

Messaggio da leggere da Claudex » 25/08/2010, 19:02

(quarta parte)
ho già postato i fiori di questa caudiciforme: Rechsteineria leucotricha;
con un caudex che può arrivare fino a un diametro di 30 cm
ed è originale del Brasile; i fiori a forma di campanelle imbutiformi sono di un colore rosa-arancione; le foglie sono piccole e pelose di un colore verde chiaro (superiori), verde biancastre (inferiori).
nel 2005 è riuscita a fare tre rami con 4 foglie cadauna e ogni foglia misurava 20 x 12 cm (normalmente si forma solo un ramo, ma le foglie sono sempre di queste dimensioni).
:1218125609:

roberta di bella
membro forum
membro forum
Messaggi: 109
Iscritto il: 28/01/2011, 13:20
Sesso: donna
coltivo dal: 2009
coltivo in provincia di...: enna
clima: caldo in estate umido e freddo in inverno

Re: parliamo di caudiciformi

Messaggio da leggere da roberta di bella » 07/02/2011, 16:27

bravo_2
interessantissimissimo.............e le foto sono bellissime....
ciao roberta

Avatar utente
Claudex
socio AIAS
socio AIAS
Messaggi: 1652
Iscritto il: 21/06/2010, 22:49
coltivo dal: 1986
Località: Roma

Re: parliamo di caudiciformi

Messaggio da leggere da Claudex » 23/02/2011, 23:45

(quinta parte) - le famiglie
notizie prese dal libro: Piante grasse di Gordon Rowley (ed. Zanichelli - 1986)

Anacardiaceae
Questa famiglia, abbastanza vasta, prevalentemente tropicale, comprende il mango, ( Mangifera ) ed alcuni robusti cespugli ornamentali quali il sommaco ( Rhus coriaria ).- Nelle regioni più aride della California meridionale, PACHYCORMUS Discolor conferisce un’aria sinistra al paesaggio, con i suoi tronchi rigonfi, nodosi e le minuscole foglie pinnate che cadono durante la stagione secca.-
Piccoli esemplari, quando sono reperibili, vengono prediletti dai collezionisti di bonsai.-

Apocynaceae
Le 2 specie sudafricane di PACHYPODIUM ( capitolo a parte ) vengono trattate meglio qui perché, come in un iceberg, la maggior parte del loro volume è nascosto alla vista : un massiccio caudex simile ad una rapa che penetra profondamente nel substrato roccioso ed è molto difficile da estirpare.-
Il groviglio di germogli spinosi al di sopra del terreno è relativamente poco espanso.- PACHYPODIUM Succulentum possiede fiori a forma di stretto tubo ; in PACHYPODIUM Bispinosum, quello che fiorisce più abbondantemente, i fiori sono grandi e campanulati.-

Asclepiadaceae
Ai fusti succulenti descritti ( capitolo a parte ), si devono almeno aggiungere 4 generi dotati di caudex.- Le CEROPEGIA sono di aspetto diverso, ma tutte meritano attenzione per i fiori tubolosi acchiappamosche.-
In alcune i deboli germogli muoiono cosicchè, durante il periodo di riposo, non emerge niente dal terreno ; in altre i germogli sono più o meno sempreverdi.-
Più robuste ed assai popolari sono CEROPEGIA Woodii, con foglie grasse, arrotondate, grigie e purpuree, con corti peduncoli, simili ad edera, e la sua sottospecie Debilis, con foglie lineari.-
Esse formano nuovi tuberi lungo gli steli striscianti, che, teoricamente, le dovrebbero rendere di facile propagazione.-
I grandi tuberi sono anche eccellenti soggetti su cui innestare rare, delicate e crestate Stapelieae.- Le BRACHYSTELMA sono tutte provviste di caudex e si differenziano dalle CEROPEGIA solo per il tubo fiorale più corto, che è comunemente piatto o a forma di piattino con lobi liberi della corolla non uniti alle estremità.- Un’eccezione è costituita dalla specie più spettacolare, BRACHYSTELMA Barberae, che produce un grande globo, largo 8 - 12 cm, di fiori purpurei.- FOCKEA e RAPHIONACME vivono fino ad un’età avanzata ed il caudex
sotterraneo può pesare molti chili.- FOCKEA Crispa porta un groviglio di germogli striscianti, ricchi di ramoscelli con piccole foglie verdi, spesse e lucide, graziosamente incurvate ai margini.-
Essa si può riprodurre solo da seme, ma molte delle altre si possono ottenere da talee con un discreto successo.-

Burseraceae
Alcune specie di BURSERA sono tanto considerevoli quanto PACHYCORMUS e crescono assieme ad esso nelle medesime aree.- Un genere parallelo, in Africa, è COMMIPHORA.-
Quasi tutte le piante di questa famiglia sono aromatiche ed alcune producono resine commercialmente utili.-

Cochlospermaceae
Questa piccola famiglia di 2 generi di alberi e cespugli tropicali trova posto qui solo perché in gioventù gli steli di alcune specie si ingrossano, e le pianticelle diventano attraenti bonsai succulenti, quali COCHLOSPERMUM Hibiscoides.- Le grandi foglie assottigliate sono generalmente lobate e cadono durante il periodo di riposo.-
Se si riesce a reperirlo, la propagazione avviene per seme.-

Compositae
Avendo trattato le piante a foglie succulente ( capitolo a parte ) e quelle a fusti succulenti ( capitolo a parte ), restano alcune OTHONNA, caudiciformi nane, cespugliose, molto xerofitiche.-
Alcune hanno l’organo di riserva nascosto quasi per intero sotto terra, altre hanno ramificazioni aeree.-
Sono piante da intenditori, infatti non è facile mantenerle per lunghi periodi.- Tutte hanno piccoli capolini di fiori gialli ( rossi in OTHONNA Cakilefolia ) ; le più interessanti sono OTHONNA Euphorbioides, con grappoli di spine spesso biforcute, simili a quelli del cactus, e OTHONNA Herrei, una rarità con rami tubercolati somiglianti al corallo.-
Le OTHONNA, in Europa, si coprono di foglie verso novembre : occorre allora mantenerle ben esposte alla luce e annaffiarle da questo momento finchè non sia finita la fioritura, all’inizio del nuovo anno.- Per il resto dell’anno bastano leggere spruzzate per evitare un eccessivo disseccamento delle radici.-

Convolvulaceae
La famiglia del convolvolo, che è un po’ la rovina dei giardini nelle regioni temperate, con erbacee molto persistenti come Convolvulus arvensis, offre anche una nota positiva con i meravigliosi grandi fiori a campana del genere IPOMOEA.- Alcune specie sudafricane di IPOMOEA sono perenni, con grandi caudex sotterranei, e stanno bene in una collezione di succulente.-
IPOMOEA Bolusiana e IPOMOEA Holubii emettono sottili germogli annuali ed in estate producono grandi fiori color malva, a forma di imbuto, posti presso la base degli steli.-

Crassulaceae
Sebbene questa famiglia ( capitolo a parte ) sia costituita prevalentemente da forme a foglie succulente, 3 dei generi più numerosi mostrano anche una tendenza ad immagazzinare l’acqua nei fusti e nelle radici.-
Sedum rosea, cresce spontaneo nell’emisfero settentrionale fino al circolo polare artico ed è la più robusta delle succulente, come pure una delle più variabili.-
Nel genere CRASSULA, la sezione TUBEROSAE comprende specie decidue quali CRASSULA Septas, il “ Bucaneve del Capo “, che rimane perenne con un tubero simile al ciclamino.-

Cucurbitaceae
La famiglia che fornisce ai nostri orti zucche e cetrioli, meloni e zucchini, presenta molte curiosità, e nelle regioni semidesertiche, sia dell'’merica centrale che dell’Africa meridionale, si trovano straordinari tipi caudiciformi appartenenti a questa famiglia.- Jacobsen descrive 19 generi, ed altri se ne potrebbero aggiungere.-
XEROSICYOS è stato già segnalato come pianta a foglie succulente.- KEDROSTIS è uno dei più comuni : KEDROSTIS Nana è spontanea nella penisola del Capo e di qui viene esportata nelle zone con clima abbastanza umido, come l’Europa ad esempio.-
Le CUCURBITACEAE succulente possono produrre metri e metri di fusti rampicanti che occupano molto spazio e devono essere riordinati quando le foglie cadono.- I fiori sono piccoli e unisessuali ; i frutti, invece, sono più appariscenti, ed è meritevole il tentativo di impollinazione manuale.-
Alcune specie sono dioiche.- In NEOALSOMITRA il caudex ha lunghe spine verdi.- Il gigante del gruppo è DENDROSICYOS, endemico di Socotra : si dice che nel suo habitat cresca fino a 6 m di altezza.-

Dioscoreaceae
Il “ Piede di elefante “ ( DIOSCOREA o TESTUDINARIA Elephantipes ) è cosi stranamente attraente che sono tentato a dire sia quasi una necessità per ogni collezione.- Certamente se si potesse tenere una sola pianta in una collezione, dovrebbe essere questa.- Il seme, grande ed alato, germina e produce un caudex sferico di 1 cm il primo anno, con una singola foglia verde a forma di cuore.-
Seguono esili germogli annuali rampicanti, simili a Tamus, suo parente prossimo.-
Non appena la sfera si ingrandisce, essa sviluppa escrescenze sugherose poligonali ed in natura può raggiungere una notevole dimensione : più di 1 m di diametro.- Le piante sono dioiche e ci sono 3 altre specie soltanto con il caudex posto più o meno al di sopra del terreno.-
Tutte le specie rimanenti, e ce ne sono circa 600, hanno gli organi di riserva posti al di sotto del terreno e comprendono le commestibili patate dolci ( da non confondersi con altre “ patate dolci “ o “ batate “, come Ipomea batatas delle CONVOLVULACEAE ).- L’aspetto aereo della pianta, come descritto sopra, si è evoluto indipendentemente in Sudafrica ( DIOSCOREA Elephantipes, DIOSCOREA Glauca e DIOSCOREA Sylvatica ) e in Messico ( DIOSCOREA Macrostachya ).-
Il “ Piede di elefante “ non è cosi difficile da coltivare come si credeva una volta : in condizioni ottimali si possono ottenere da seme, in soli 10 - 15 anni, superbi esemplari a forma di pallone ; non è quindi necessario depauperare l’ambiente originario importando continuamente esemplari.-
I rami aerei hanno bisogno di sole, mentre il caudex preferisce l’ombra e necessita di annaffiature continue durante l’estate o nel periodo in cui emette le foglie ; anche negli altri periodi dell’anno è bene non lasciare la pianta troppo all’asciutto.-

Euphorbiaceae
Le euforbie succulente ( capitolo a parte ) hanno forme di vita cosi diverse che non è sorprendente riscontrare i vantaggi della formazione del caudex sfruttati in parecchi generi.- In EUPHORBIA troviamo EUPHORBIA Tuberosa del Capo, EUPHORBIA Trichadenia dall’Angola alla Rhodesia ed EUPHORBIA Baga nell’Africa occidentale tropicale, per citarne soltanto 3 .-
In MONADENIUM troviamo la miniatura MONADENIUM Montanum e l’ancor più attraente MONADENIUM Majus, una rara bellezza con il suo ciazio inclinato in avanti.- JATROPHA è un genere correlato alla lontana, di 150 e più cespugli tropicali, di cui circa un quarto si qualifica come caudiciforme.-
Botanicamente il genere è interessante per i suoi fiori semplici unisessuali con un calice e, nei fiori maschili, anche una corolla molto diversa dagli avanzati ciazi delle specie di EUPHORBIA.-
Le piante sopra descritte sono tutte per coltivatori esperti, agguerriti nei confronti delle delusioni.- JATROPHA Podagrica cresce rapidamente da seme ed è una delle più facili da coltivare : possiede foglie grandi, peduncolate, lobate, che formano stipole glandolari ed ampi capolini di vistosi fiori rossi.-

Fouquieriaceae
Questa piccola famiglia di un solo genere è di 8 specie ed è endemica del Messico.- Le piante sono cespugli estremamente xerofitici di un legno duro con una tendenza ad allargarsi alla base che raggiunge il massimo nell’unico “ Cirio “ o “ Boojum “ di Baja California, FOUQUIERIA ( Idria ) Columnaris.-
Il tronco, alto, generalmente senza diramazioni, sembra un’enorme rapa capovolta e porta sottili ramificazioni laterali con foglie minuscole che hanno vita breve e che lasciano una spina quando si staccano dallo stelo legnoso.-
FOUQUIERIA Columnaris si è dimostrata assai longeva e ben adattabile nelle collezioni, sebbene non sia per nulla comune ; nelle mostre è un utile tappabuchi ad ogni età e con qualsiasi dimensione.-
Ha radici grandi, quindi richiede molto spazio e, quando è tenuta in vasi piccoli, cresce molto lentamente.-
Si raccomanda una temperatura invernale minima di 7°, tuttavia io ho tenuto piante sotto zero per brevi periodi senza perderle.- FOUQUIERIA Fasciculata e FOUQUIERIA Purpusii sono egualmente degne di attenzione.-

Geraniaceae
I coltivatori di “ pelargoni “ zonali e regali - i “ gerani “ per il profano - possono avere solo una pallida idea del polimorfismo di questo grande e versatile genere di più di 250 specie nelle parti più aride del Sudafrica.-
L’unica caratteristica più o meno comune a tutte le specie è un’apparente indifferenza all’abbandono e alle avversità che eliminerebbero tutto tranne che una superpianta.- PELARGONIUM Tetragonum è, in realtà, una pianta a fusto succulento, con steli grigio - verdi, provvisti di nodi, a 3 o 4 spigoli ; PELARGONIUM Echinatum possiede tubercoli bitorzoluti e PELARGONIUM Gibbosum una protuberanza gibbosa ad ogni nodo.-
Una o due piante arrivano quasi ad avere le foglie succulente.-
Ma la maggioranza possiede un caudex al livello del terreno o sotto di esso, che porta rosette di foglie decidue spesso molto lobate, pinnate o simili a carote.- I fiori sono molto meno vistosi di quelli delle cultivar popolari dei fioristi, ma non tali da trascurarli completamente.-
SARCOCAULON è un genere affine di circa una dozzina di specie dell’Africa sudoccidentale con fusti spinosi tanto ricchi di resina che per lungo tempo, dopo la loro morte, il deserto è cosparso di frammenti dello scheletro simili a tubicini.- Il nome “ Torcia del boscimano “ deriva dall’abitudine locale di utilizzare gli steli, che bruciano come una torcia.- Tutte le GERANIACEAE succulente emettono foglie nel tardo autunno e hanno la sistemazione migliore su di un ripiano alto, al sole, vicino alla finestra.- Annaffiatele solo finchè portano foglie verdi.-

Moraceae
I gelsi ed i fichi sono rappresentanti familiari e comuni di questa famiglia che è imparentata, a cagione dei suoi fiori minuti ed unisessuali, con le famiglie della canapa, del luppolo e della pungente ortica.-
Un certo numero di fichi tropicali, del genere FICUS, si sono introdotti in aree semidesertiche ed hanno sviluppato tronchi bizzarramente rigonfi e terminanti a punta.- Piccoli esemplari si trovano occasionalmente in collezioni di piante succulente, apprezzati per il loro aspetto di bonsai.-
DORSTENIA, un altro genere largamente diffuso, con 170 specie, annovera specie nell’Africa tropicale e orientale con un caudex molto carnoso al livello del suolo o al di sotto di esso e rami grossi coperti di cicatrici fogliari.-
Le bizzarre infiorescenze, ampie o a forma di coppa, che simulano un fiore singolo, sono state già trattate
( capitolo a parte ).- DORSTENIA Foetida è la specie che si vede più spesso nelle collezioni, sebbene non sia comune, e produce semi da sola, se ne ha la possibilità.-
A Socotra c’è l’unica endemica, DORSTENIA Gigas, alta fino oltre 1,20 m .-
Le DORSTENIA hanno bisogno di elevate temperature e difficilmente si possono raccomandare ai principianti.-

Passifloraceae
ADENIA potrebbe essere considerata come un parente povero dei “ fiori della passione “, Passiflora, ma non ha niente dello splendore fiorale di quel genere.-
Della novantina di specie, 57 sono africane e poche di queste sono conformate in modo strano tanto da attirare lo sguardo del patito delle succulente in cerca di novità.- Cominciando dalla specie in cui il tronco è molto grosso e affusolato ( ADENIA Glauca, ADENIA Fruticosa ), troviamo un massiccio caudex più o meno cilindrico in ADENIA Digitata, spine sui rami aerei in ADENIA Spinosa e tubercoli spinosi in ADENIA Aculeata ed in ADENIA Globosa.- Il caudex è gradevolmente marcato in verde pallido e verde scuro in molte piante, ed in ADENIA Globosa è coperto di escrescenze verrucose.-

Pedaliaceae
2 piccoli generi, PTERODISCUS, con una decina di specie, e SESAMOTHAMNUS, con 5 specie dell’Africa meridionale e tropicale, meritano di essere qui ricordati.- Le specie sono rare in coltivazione, ma degne di essere possedute per i fiori grandi e talvolta profumati.- In SESAMOTHAMNUS i rami sono grossi e spinosi e del caudex è stato detto che arriva a superare i 2 m di diametro.-

Portulacaceae
Hanno foglie succulente e fusti carnosi ( capitolo a parte ) gli esponenti di questa famiglia.-
Vi sono anche alcune specie di PORTULACA e TALINUM con organi di deposito rigonfi, sotterranei e parti aeree più o meno decidue.- TALINUM Caffrum è notevole per i suoi gradevoli fiori gialli simili a piccole primule e cresce rapidamente da seme.- Ma il tesoro più prezioso, e quasi unico tra le succulente, è ANACAMPSEROS Alstonii, con un ampio caudex di 10 cm o più di diametro, coperto da una corona bianca fatta di centinaia di filamenti bellissimi e sottili, ognuno avvolto con stipole cartacee sovrapposte che nascondono al di sotto le minute foglie verdi.- Paragonati ai rami che li portano i fiori bianchi perlacei sono giganteschi - da 2,5 a 3 cm di larghezza - e sbocciano numerosi in estate.-
Quando crescono da seme, il primo anno viene già prodotto un tubero della dimensione di un pisello.-

Vitaceae
La VITACEAE a stelo succulento ( capitolo a parte ).-
Qui vengono prese in considerazione alcune specie con massicci caudex che erano state per il passato incluse nel medesimo genere CISSUS ma ora ne vengono separate come CYPHOSTEMMA.-
I grossi tronchi, lisci, verdastri sono coperti di una corteccia che si desquama e portano grandi foglie carnose, intere o trilobate, che cadono nel periodo di riposo.- Si potrebbero egualmente classificare come piante a fusti succulenti, essendo intermedie nella forma.- I CYPHOSTEMMA crescono rapidamente da seme e si adattano bene ad una stagione estiva di crescita, quando possono godere di abbondanti annaffiature, cosi che sono fra le piante caudiciformi più facili da maneggiare.-

Avatar utente
Claudex
socio AIAS
socio AIAS
Messaggi: 1652
Iscritto il: 21/06/2010, 22:49
coltivo dal: 1986
Località: Roma

Re: parliamo di caudiciformi

Messaggio da leggere da Claudex » 23/02/2011, 23:54

(sesta parte) - la famiglia APOCYNACEAE
notizie prese dal libro: Piante grasse di Gordon Rowley (ed. Zanichelli - 1986)

Una famiglia distribuita prevalentemente ai tropici, quella delle Apocynaceae, comprende circa 180 generi e 1.500 specie.- Sono quasi tutte piante rampicanti, dotate di un succo bianco lattiginoso.-
I fiori sono spesso piuttosto vistosi ed alcuni generi ( quali Allamanda ) vengono coltivati come piante rampicanti da serra.- La cespugliosa Plumeria è il “ Frangipane “, coltivato in tutta la zona dei tropici per i suoi fiori profumati.- Alcuni coltivatori di succulente hanno esteso i limiti delle loro collezioni per poterla includere.-
Vinca, la pervinca, è un genere di robusti rampicanti ( da noi, però, solo erbacea a fusti prostrati ).-
I pezzi fiorali sono 5 , ma la struttura interna è abbastanza complessa e si avvicina a quella delle Asclepiadaceae.- 2 generi sono interessanti per tutti coloro che apprezzano le succulente poco comuni : Adenium possiede una specie largamente diffusa e variabile o, secondo altre opinioni, alcune specie separate, ed è diffuso in tutta l’Africa, dalla parte sudoccidentale attraverso il Kenya fino all’Arabia.-
L’aspetto varia da quello di un cespuglio basso, caudiciforme, con un tronco massiccio e nodoso, fino ad una struttura con steli eretti succulenti alti fino a 4 m .- I grossi steli sono irregolarmente ramificati, lisci e privi di spine, e portano alla loro estremità, in ampie rosette spiralate, foglie ampie, coriacee, generalmente lucide, di colore verde scuro e lunghe fino a 15 cm .- Esse cadono nella stagione di riposo.-
Adenium in piena fioritura è una delle più vistose di tutte le succulente africane.-

ADENIUM OBESUM è la “ Rosa del deserto “ o “ Finta Azalea “ e la sua varietà multiflorum è particolarmente adatta per piccole collezioni perché essa fiorisce anche da talee radicate di 15 cm .-
E’ molto coltivata come pianta ornamentale in Malaysia.-
Il colore dei fiori va dal rosso intenso attraverso il rosa fino al bianco con margini rossi.-
Gli Adenium sono molto delicati e prosperano in un terreno ricco e poroso, in posizioni molto calde e con moderata disponibilità di acqua per tutto l’anno.-

Pachypodium si distingue da Adenium perché possiede spine e per i suoi semi che hanno un ciuffo di setole ad una estremità, mentre i semi di Adenium lo posseggono ad entrambe.-
Le 13 specie occupano 2 distinte aree geografiche : 9 vivono nel Madagascar e le altre 4 nell’Africa meridionale e sudoccidentale e nell’Angola.-
Le specie sudafricane ne comprendono 2 che sono meglio considerate come piante caudiciformi.-
Per mia esperienza la più resistente e la più facile da coltivare è PACHYPODIUM LEALII ssp. saundersii, che può essere portata dalla semina alla fioritura in 5 anni.-
Nel suo ambiente originario essa offre uno spettacolo straordinario, con un tronco massiccio e nodoso alto fino a 1 m , grosso alla base ed irregolarmente ramificato come Adenium, ma più simile al cactus, poiché è ricoperta da robuste spine a coppie con una terza, più piccola, tra esse.-
Le foglie decidue sono di un verde brillante e lucido, lunghe fino a 8 cm .-
Più tardi produce attraenti fiori bianchi, ma spesso troppo tardi per facilitare la sua espansione nelle coltivazioni europee.- I frutti, lunghi 10 cm , lasciano cadere grandi quantità di semi muniti di pappi alati.-

PACHYPODIUM NAMAQUANUM è ugualmente strano e diverso : un fusto conico, spesso privo di rami, alto fino a 2 m , con una corona di foglie come quelle del cavolo e linee spirali di tubercoli che portano spine di 5 cm .-
Nell’aspro paesaggio lunare del suo ambiente naturale, lungo le rive del fiume Orange, ci si può bene immaginare di essere stati trasportati su di un altro pianeta.-

2 delle specie malgasce, PACHYPODIUM GEAYI e PACHYPODIUM LAMEREI, sono vicine a PACHYPODIUM NAMAQUANUM nell’aspetto generale e sono diventate più facilmente disponibili durante l’ultimo decennio, perché i floricoltori le hanno offerte come piante da appartamento.-
Con i loro robusti fusti eretti ( generalmente privi di rami negli esemplari coltivati ) e i tubercoli disposti a spirale, ognuno circondato a corona da 3 lunghe spine, esse sono assai simili a cacti.-
Ma la corona di lunghe e strette foglie le fa subito distinguere, e non c’è nessuna areola infeltrita o nessun cuscino di spine.-

PACHYPODIUM GEAYI è la più attraente per la sua copertura di feltro grigio nel periodo giovanile.- Una straordinaria cultivar crestata di PACHYPODIUM LAMEREI è stata ottenuta da innesti, e si sono ottenute anche piante con fogliame variegato.- Queste 2 specie richiedono abbondanti annaffiature in estate e sono quelle che crescono più rapidamente.-

Altre scelte sono PACHYPODIUM DENSIFLORUM e PACHYPODIUM ROSULATUM con fiori dall’arancio al giallo, e PACHYPODIUM BARONII con fiori rossi.-

Come gli Adenium, i Pachypodium amano il caldo in tutte le stagioni ; durante l’inverno si possono portare in casa e tenere su un davanzale luminoso e assolato.- Se cadono le foglie, vuol dire che vi è bisogno di un periodo di riposo all’asciutto.- Entrambi i generi si innestano facilmente, ma la moltiplicazione vegetativa è possibile raramente.-

Avatar utente
Claudex
socio AIAS
socio AIAS
Messaggi: 1652
Iscritto il: 21/06/2010, 22:49
coltivo dal: 1986
Località: Roma

Re: parliamo di caudiciformi

Messaggio da leggere da Claudex » 24/02/2011, 0:05

(settima parte) ; qui sotto viene riportato un INDICE di tutte le CAUDICIFORMI

CAUDICIFORM & PACHYCAUL succulents - I n d e x

ADANSONIA digitata
ADANSONIA gibbosa
ADANSONIA grandidieri
ADANSONIA madagascariensis
ADANSONIA perrieri
ADANSONIA rubrostipa
ADANSONIA suarezensis
ADANSONIA za

ADENIA aculeata
ADENIA ballyi
ADENIA digitata
ADENIA epigea
ADENIA fruticosa
ADENIA glauca
ADENIA globosa
ADENIA globosa var. pseudoglobosa
ADENIA goetzei
ADENIA huillensis
ADENIA kariebensis
ADENIA keramanthus
ADENIA kirkii
ADENIA lanceolata scheffleri
ADENIA olaboensis
ADENIA pechuelii
ADENIA perrieri
ADENIA pseudoglobosa
ADENIA repanda
ADENIA spinosa
ADENIA venenata

ADENIUM “ Asha “ ( A. obesum subsp. obesum x subsp. swazicum )
ADENIUM “ Black Ruby “ ( cultivar )
ADENIUM “ Boyce Thompson “ ( A. obesum subsp. swazicum )
ADENIUM “ Costa Picotee “ (A. obesum subsp. obesum)(subsp. obesum x “multiflorum”)
ADENIUM “ Crimson Star “ ( A. obesum subsp. obesum x subsp. swazicum )
ADENIUM “ Endless Sunset “ ( A. obesum subsp. obesum x subsp. swazicum )
ADENIUM “ Fritz Dederer “ ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM “ Mad 39 “ ( cultivar )
ADENIUM “ Mombasa “ ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM “ Perpetual Pink “ ( A. obesum subsp. swazicum )
ADENIUM “ Red Everbloomer “ ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM “ Red Ribbons “ ( A. obesum subsp. obesum x subsp. swazicum )
ADENIUM “ Singapore “ ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM “ Snowbell “ ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM “ Volcanic Sunset “ ( A. obesum subsp. obesum x subsp. swazicum )
ADENIUM “ White Impala “ ( A. obesum subsp. swazicum )
ADENIUM arabicum ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM boehmianum ( A. obesum subsp. boehmianum )
ADENIUM boehmianum var. swazicum ( A. obesum subsp. swazicum )
ADENIUM coetaneum ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM honghel ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM lugardii ( A. obesum subsp. oleifolium )
ADENIUM micranthum ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM multiflorum ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM namaquanum ( PACHYPODIUM namaquanum )
ADENIUM obesum
ADENIUM obesum subsp. boehmianum
ADENIUM obesum subsp. obesum
ADENIUM obesum subsp. obesum var. multiflorum ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM obesum subsp. oleifolium
ADENIUM obesum subsp. socotranum
ADENIUM obesum subsp. somalense
ADENIUM obesum subsp. swazicum
ADENIUM oleifolium ( A. obesum subsp. oleifolium )
ADENIUM oleifolium var. angustifolium ( A. obesum subsp. oleifolium )
ADENIUM socotranum ( A. obesum subsp. socotranum )
ADENIUM somalense ( A. obesum subsp. somalense )
ADENIUM somalense var. angustifolium ( A. obesum subsp. oleifolium )
ADENIUM somalense var. caudatipetalum ( A. obesum subsp. somalense )
ADENIUM somalense var. crispum ( A. obesum subsp. somalense )
ADENIUM speciosum ( A. obesum subsp. obesum )
ADENIUM swazicum ( A. obesum subsp. swazicum )
ADENIUM tricholepis ( A. obesum subsp. somalense )

ADROMISCHUS mammillaris

AEOLANTHUS subacaulis

ALBUCA unifoliata
ALBUCA sp. nova ( Lavranos 26172 )

ALLUADIA procera

AMMOCHARIS coranica

ANACAMPSEROS alstonii ( AVONIA quinaria ssp. alstonii )
ANACAMPSEROS australiana
ANACAMPSEROS comptonii
ANACAMPSEROS dinteri ( AVONIA )
ANACAMPSEROS filamentosa ( A. intermedia )
ANACAMPSEROS papyracea
ANACAMPSEROS rhodesica ( AVONIA )
ANACAMPSEROS rufescens ( A. arachnoides )

BEGONIA caffra
BEGONIA dregei

BOMBAX ellipticum

BOSWELLIA nana

BOUSSINGAULTIA cordifolia ( ANREDERA )

BOWIEA gariepensis
BOWIEA kilimandscharica
BOWIEA volubilis

BRACHYCHITON rupestris

BRACHYSTELMA barberae
BRACHYSTELMA blepharanthera
BRACHYSTELMA brevipedicellatum
BRACHYSTELMA circinnatum
BRACHYSTELMA constrictum
BRACHYSTELMA dinteri
BRACHYSTELMA dyeri
BRACHYSTELMA foetidum
BRACHYSTELMA montanum
BRACHYSTELMA ngomense
BRACHYSTELMA occidentalis
BRACHYSTELMA pygmaeum
BRACHYSTELMA swazicum
BRACHYSTELMA togoense
BRACHYSTELMA vahrmeijeri

BRIGHAMIA insignis
BRIGHAMIA sp.

BRYONIA africana
BRYONIA dioica

BULBINE diphylla
BULBINE haworthioides
BULBINE margarethae
BULBINE mesembryanthoides
BULBINE succulenta

BUPHONE disticha
BUPHONE haemanthifolia

BURSERA epinnata
BURSERA fagaroides
BURSERA fagaroides var. elongata ( B. odorata )
BURSERA hindsiana
BURSERA microphylla
BURSERA odorata
BURSERA schlechtendalii
BURSERA simplicifolia

CALIBANUS hookeri
CALIBANUS uses

CARICA lanceolata

CASSIA meridionalis

CAVANILLESIA arborea

CEIBA aesculifolia
CEIBA insignis

CEPHALOPENTANDRA ecirrhosa

CERARIA fruticulosa
CERARIA namaquensis
CERARIA pygmaea

CERATOSTEMA sp.

CEROPEGIA africana
CEROPEGIA antennifera
CEROPEGIA bulbosa
CEROPEGIA campanulata
CEROPEGIA conrathii
CEROPEGIA elegans gardneri
CEROPEGIA fusca
CEROPEGIA lenearis
CEROPEGIA multiflora
CEROPEGIA occidentalis
CEROPEGIA pachystelma
CEROPEGIA radicans
CEROPEGIA rendallii
CEROPEGIA woodii

CHAMAEGIGAS intrepidus

CHORISIA insignis
CHORISIA speciosa
CHORISIA ventricosa

CIBHIRIZA albersiana

CISSUS capensis
CISSUS hypoleuca
CISSUS nymphaeifolia
CISSUS olearacea
CISSUS quinata
CISSUS trifoliata
CISSUS tuberosa

COCCINIA adoensis
COCCINIA sessilifolia
COCCINIA species
COCCINIA trilobata

COCHLOSPERMUM hibiscoides

COMMIPHORA capensis
COMMIPHORA cervifolia
COMMIPHORA humbertii
COMMIPHORA quercifolia
COMMIPHORA saxicola

CORALLOCARPUS bainesii
CORALLOCARPUS boehmii
CORALLOCARPUS glomeruliflorus

COREOPSIS gigantea

COTYLEDON similis

CRASSULA capensis
CRASSULA coccinea
CRASSULA nemorosa
CRASSULA ovata
CRASSULA rupestris
CRASSULA sarcocaulis
CRASSULA saxifraga
CRASSULA scabra
CRASSULA septas
CRASSULA umbella
CRASSULA weissei

CRYPTOCARPUS edule

CUCURBITA foetidissima
CUCURBITA speciosa

CUSSONIA arenicola
CUSSONIA thyrsiflora

CYCLANTHEROPSIS parviflora

CYNANCHUM crispum

CYPHOSTEMMA bainesii
CYPHOSTEMMA betiformis
CYPHOSTEMMA crameriana
CYPHOSTEMMA currorii
CYPHOSTEMMA elephantopus
CYPHOSTEMMA humile
CYPHOSTEMMA juttae
CYPHOSTEMMA lanigerum
CYPHOSTEMMA laza
CYPHOSTEMMA montagnacii
CYPHOSTEMMA quinatum
CYPHOSTEMMA seitziana
CYPHOSTEMMA simulans
CYPHOSTEMMA uter

DELONIX leucantha
DELONIX pumila

DENDROSICYOS socotrana

DIOSCOREA deltoidea x selvatica ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA elephantipes ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA elephantipes x sylvatica ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA hemicrypta ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA macrostachya ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA mexicana ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA panicolata ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA rupicola ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA selvatica ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA sylvatica x elephantipes ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA sylvatica var. panicolata ( TESTUDINARIA )
DIOSCOREA sylvatica var. selvatica ( TESTUDINARIA )

DOLICHOS seineri

DORSTENIA barnimiana ( D. bornimiana )
DORSTENIA crispa
DORSTENIA ellenbeckiana
DORSTENIA foetida
DORSTENIA hildebrandtii
DORSTENIA horwoodii
DORSTENIA hybrid
DORSTENIA gigas
DORSTENIA gypsophila
DORSTENIA radiata
DORSTENIA species “ Tabà a Gorgè “
DORSTENIA tropaeolifolia
DORSTENIA zanzibarica

ECHINOCYSTIS lobata
ECHINOCYSTIS macrocarpa

ERIOSPERMUM dregei

ERYTHRINA humeana “ Raja “
ERYTHRINA vespertilio

EUPHORBIA adenochila
EUPHORBIA albipollinifera
EUPHORBIA ambovombensis
EUPHORBIA ansto sp. nov. aff. ansto
EUPHORBIA baga
EUPHORBIA balsamifera
EUPHORBIA balsamifera ssp. adenensis
EUPHORBIA balsamifera ssp. balsamifera
EUPHORBIA beharensis
EUPHORBIA brevitorta
EUPHORBIA brunellii
EUPHORBIA bupleurifolia
EUPHORBIA cap - saintemariensis
EUPHORBIA cap - saintemariensis var. cap - saintemariensis
EUPHORBIA cap - saintemariensis var. tulearensis
EUPHORBIA caput - medusae
EUPHORBIA clavigera
EUPHORBIA cremersii
EUPHORBIA crispa
EUPHORBIA cryptocaulis
EUPHORBIA cryptospinosa
EUPHORBIA cuneata
EUPHORBIA cylindrifolia
EUPHORBIA cylindrifolia var. cylindrifolia
EUPHORBIA cylindrifolia var. tuberifera ( E. c. var. tubifera )
EUPHORBIA decaryi
EUPHORBIA decaryi var. cap - saintemariensis
EUPHORBIA decaryi var. spirosticha
EUPHORBIA decidua
EUPHORBIA dunensis
EUPHORBIA duseimata
EUPHORBIA ecklonii
EUPHORBIA enormis
EUPHORBIA esculenta
EUPHORBIA flanaganii
EUPHORBIA fortuita
EUPHORBIA francoisii
EUPHORBIA francoisii var. crassicaulis
EUPHORBIA francoisii var. crassicaulis fa. rubrifolia
EUPHORBIA francoisii var. francoisii
EUPHORBIA fusca
EUPHORBIA fusiformis
EUPHORBIA globosa
EUPHORBIA globulicaulis
EUPHORBIA gorgonis
EUPHORBIA groenewaldii
EUPHORBIA guenzii
EUPHORBIA guerichiana
EUPHORBIA guillauminiana
EUPHORBIA hadramautica
EUPHORBIA hedyotoides
EUPHORBIA hopetownensis
EUPHORBIA horwoodii
EUPHORBIA immersa
EUPHORBIA inermis
EUPHORBIA inornata
EUPHORBIA knuthii
EUPHORBIA kondoi
EUPHORBIA longetuberculosa
EUPHORBIA longetuberculosa sp. nov. aff. longetuberculosa ( Lavranos 23439 )
EUPHORBIA maleolensis
EUPHORBIA marlothiana
EUPHORBIA milii var. roseana
EUPHORBIA misera
EUPHORBIA monadenioides
EUPHORBIA morattii
EUPHORBIA morattii var. multiflora
EUPHORBIA muirii
EUPHORBIA namuskluftensis
EUPHORBIA parvicyathophora ( simile : E. decaryi )
EUPHORBIA pedilanthoides
EUPHORBIA persistens
EUPHORBIA pillansii
EUPHORBIA platycephala
EUPHORBIA polycephala
EUPHORBIA primulifolia
EUPHORBIA pseudotuberosa
EUPHORBIA pugniformis
EUPHORBIA quartziticola
EUPHORBIA ramiglans
EUPHORBIA rivae
EUPHORBIA rubella
EUPHORBIA scatorhiza
EUPHORBIA sepulta
EUPHORBIA silenifolia
EUPHORBIA squarrosa
EUPHORBIA stellata
EUPHORBIA supernans
EUPHORBIA tenuispinosa
EUPHORBIA thamnoides
EUPHORBIA tortirama
EUPHORBIA trichadenia
EUPHORBIA tuberosa
EUPHORBIA unispina
EUPHORBIA woodii

FICUS abutifolia
FICUS brandegeei
FICUS palmeri
FICUS petiolaris

FOCKEA angustifolia
FOCKEA capensis
FOCKEA comaru
FOCKEA crispa
FOCKEA edulis
FOCKEA multiflora
FOCKEA sinuata
FOCKEA tugelensis

FOUQUIERIA columnaris
FOUQUIERIA diguetii
FOUQUIERIA fascicolata
FOUQUIERIA leonilae
FOUQUIERIA macdougalii
FOUQUIERIA purpusii

GERRARDANTHUS lobatus
GERRARDANTHUS macrorhizus

GONOLOBUS sp.

HYDNOPHYTUM formicarium

HYPOXIS rigidum

IBERVILLEA sonorae
IBERVILLEA tenuisecta

IMPATIENS jerdoniae
IMPATIENS mirabilis

IPOMOEA albivenia
IPOMOEA angustisecta
IPOMOEA arborescens
IPOMOEA bolusiana
IPOMOEA carnea
IPOMOEA heterophylla
IPOMOEA holubii
IPOMOEA inamoena
IPOMOEA leptophylla
IPOMOEA magnusiana
IPOMOEA marmorata
IPOMOEA orizabensis
IPOMOEA platensis
IPOMOEA purga
IPOMOEA stuhlmannii
IPOMOEA transvaalensis
IPOMOEA tricolor
IPOMOEA tuba
IPOMOEA welwitschii

JACARATIA corumbensis
JACARATIA hassleriana

JATROPHA berlandieri
JATROPHA capensis
JATROPHA cathartica
JATROPHA cinerea
JATROPHA cuneata
JATROPHA gossypiifolia
JATROPHA lagarinthoides
JATROPHA macrantha
JATROPHA marginata
JATROPHA mcvaughii
JATROPHA multifida
JATROPHA podagrica
JATROPHA sp. nov. ( Lavranos 23366 )
JATROPHA urens
JATROPHA variabilis

KEDROSTIS africana
KEDROSTIS crassirostrata
KEDROSTIS foetidissima
KEDROSTIS hirtella
KEDROSTIS nana
KEDROSTIS punctulata
KEDROSTIS sessilifolia

LEWISIA brachycalyx
LEWISIA cotyledon
LEWISIA nevadensis
LEWISIA pygmaea
LEWISIA rediviva

LOMATIUM hendersonii

MATELEA cyclophylla

MELOTHRIA punctata ( ZEHNERIA )

MERREMIA holubii
MERREMIA tuberosa

MESTOKLEMA arboriforme
MESTOKLEMA tuberosum ( MESTOKLEMA tuberosa )

MICROLOMA sp.

MIRABILIS jalapa

MOMORDICA friesiorum
MOMORDICA repens
MOMORDICA rostrata
MOMORDICA sessilifolia

MONADENIUM clarae
MONADENIUM crispum
MONADENIUM erubescens
MONADENIUM guentheri var. mammillare
MONADENIUM heteropodum
MONADENIUM invenustum
MONADENIUM laeve fa. laeve
MONADENIUM mafingensis
MONADENIUM magnificum
MONADENIUM majus
MONADENIUM montanum
MONADENIUM montanum cf. montanum
MONADENIUM montanum var. rubellum
MONADENIUM orobanchoides
MONADENIUM reflexum
MONADENIUM rhizophorum var. rhizophorum
MONADENIUM rubellum
MONADENIUM yattanum

MONSONIA crassicaulis
MONSONIA herrei
MONSONIA multifida
MONSONIA peniculina

MORINGA drouhardii
MORINGA hildebrandtii
MORINGA ovalifolia

MYRMECODIA echinata
MYRMECODIA lamii
MYRMECODIA tuberosa

NEOALSOMITRA podagrica

NEORAUTENENIA amboensis
NEORAUTENENIA ficifolia

NOLINA gracilis ( BEAUCARNE )
NOLINA longifolia ( BEAUCARNE )
NOLINA microcarpa ( BEAUCARNE )
NOLINA recurvata ( BEAUCARNE )
NOLINA striata ( BEAUCARNE )

ODOSICYOS bosseri

OPERCULICARYA decaryi
OPERCULICARYA pachypus

ORNITHOGALUM caudatum
ORNITHOGALUM longebracteatum
ORNITHOGALUM sp. ( Lavranos 26172 )

OTHONNA cacalioides
OTHONNA euphorbioides
OTHONNA hallii
OTHONNA herrei
OTHONNA lepidocaulis
OTHONNA litoralis
OTHONNA quercifolia
OTHONNA retrofracta ( O. lamulosa - O. litoralis - O. pinnatilobata - O. surculosa )
OTHONNA retrorsa

OXALIS articolata “ Rubra “
OXALIS carnosa

PACHIRA aquatica

PACHYCORMUS discolor

PACHYPODIUM “ Arid Lands “ ( cultivar - P. succulentum x P. namaquanum )
PACHYPODIUM “ Florid Lands “ (cultivar clone “Arid Lands“ - P. succul. x P. namaq.)
PACHYPODIUM ambongense
PACHYPODIUM baronii
PACHYPODIUM baronii var. baronii
PACHYPODIUM baronii var. erythreum ( P. baronii var. baronii )
PACHYPODIUM baronii var. typicum ( P. baronii var. baronii )
PACHYPODIUM baronii var. windsorii
PACHYPODIUM bicolor ( P. rosulatum fa. bicolor )
PACHYPODIUM bispinosum
PACHYPODIUM bispinosum x succulentum
PACHYPODIUM brevicalyx ( P. densiflorum var. brevicalyx )
PACHYPODIUM brevicaule
PACHYPODIUM brevicaule x rosulatum
PACHYPODIUM cactipes ( P. rosulatum )
PACHYPODIUM champenoisianum ( P. lamerei )
PACHYPODIUM decaryi
PACHYPODIUM densiflorum
PACHYPODIUM densiflorum var. brevicalyx
PACHYPODIUM densiflorum var. densiflorum
PACHYPODIUM drakei ( P. rosulatum )
PACHYPODIUM eburneum ( P. rosulatum var. eburneum )
PACHYPODIUM geayi
PACHYPODIUM geayi “ Curlycrest “ ( crestato )
PACHYPODIUM giganteum ( P. lealii )
PACHYPODIUM glabrum ( P. bispinosum )
PACHYPODIUM gracilius ( P. rosulatum var. gracilius )
PACHYPODIUM griquense ( P. succulentum )
PACHYPODIUM x hojnyi ( P. densiflorum x rosulatum )
PACHYPODIUM horombense
PACHYPODIUM inopinatum ( P. rosulatum var. inopinatum )
PACHYPODIUM jasminiflorum ( P. succulentum )
PACHYPODIUM lamerei
PACHYPODIUM lamerei “ Curlycrest “ ( crestato )
PACHYPODIUM lamerei “ Particolour “ ( cultivar variegato )
PACHYPODIUM lamerei fa. accestita
PACHYPODIUM lamerei var. ramosum ( P. lamerei )
PACHYPODIUM lamerei var. typicum ( P. lamerei )
PACHYPODIUM lealii
PACHYPODIUM lealii subsp. lealii
PACHYPODIUM lealii subsp. saundersii
PACHYPODIUM menabeum ( P. lamerei )
PACHYPODIUM meridionale ( P. rutenbergianum var. meridionale )
PACHYPODIUM namaquanum
PACHYPODIUM namaquanum hybrid
PACHYPODIUM obesum ( ADENIUM obesum )
PACHYPODIUM ramosum ( P. lamerei )
PACHYPODIUM x rauhii ( P. brevicaule x densiflorum )
PACHYPODIUM rosulatum
PACHYPODIUM rosulatum fa. bicolor
PACHYPODIUM rosulatum var. delphinense ( P. rosulatum var. rosulatum )
PACHYPODIUM rosulatum var. drakei ( P. rosulatum var. rosulatum )
PACHYPODIUM rosulatum var. eburneum
PACHYPODIUM rosulatum var. gracilius
PACHYPODIUM rosulatum var. horombense ( P. horombense )
PACHYPODIUM rosulatum var. inopinatum
PACHYPODIUM rosulatum var. rosulatum
PACHYPODIUM rosulatum var. stenanthum ( P. rosulatum var. rosulatum )
PACHYPODIUM rosulatum var. typicum ( P. rosulatum var. rosulatum )
PACHYPODIUM rutenbergianum
PACHYPODIUM rutenbergianum fa. lamerei ( P. lamerei )
PACHYPODIUM rutenbergianum var. meridionale
PACHYPODIUM rutenbergianum var. perrieri ( P. rutenbergianum var. sofiense )
PACHYPODIUM rutenbergianum var. rutenbergianum
PACHYPODIUM rutenbergianum var. sofiense
PACHYPODIUM rutenbergianum var. typicum (P. rutenbergianum var. rutenberg.)
PACHYPODIUM saundersii ( P. lealii subsp. saundersii )
PACHYPODIUM sofiense ( P. rutenbergianum var. sofiense )
PACHYPODIUM succulentum
PACHYPODIUM tomentosum ( P. succulentum )
PACHYPODIUM tuberosum ( P. succulentum )
PACHYPODIUM tuberosum var. loddigesii ( P. bispinosum )
PACHYPODIUM windsorii ( P. baronii var. windsorii )

PELARGONIUM alternans
PELARGONIUM antidysentericum
PELARGONIUM carnosum
PELARGONIUM ceratophyllum
PELARGONIUM cortusifolium
PELARGONIUM cotyledonis
PELARGONIUM crithmifolium
PELERGONIUM dasyphyllum
PELARGONIUM echinatum
PELARGONIUM ferulaceum
PELARGONIUM fulgidum
PELARGONIUM gibbosum
PELARGONIUM incrassatum
PELARGONIUM histrix
PELARGONIUM jacobii
PELARGONIUM klinghardtense
PELARGONIUM lobatum
PELARGONIUM mirabile
PELARGONIUM pulchellum
PELARGONIUM rapaceum
PELARGONIUM sibthorpifolium
PELARGONIUM sidoides
PELARGONIUM tetragonum
PELARGONIUM triste
PELARGONIUM xerophyton
PELARGONIUM xerophytum

PENIOCEREUS diguetii
PENIOCEREUS greggii

PEPEROMIA campylotricha
PEPEROMIA monticola
PEPEROMIA pachypodioides
PEPEROMIA umbilicata

PETOPENTIA natalensis

PHYLLANTHUS mirabilis

PLECTRANTHUS ernstii

PLUMERIA acutifolia

POINCIANA adansonioides

PORTULACA schlerocarpa

PSEUDOBOMBAX ellipticum

PTEROCACTUS tuberosus

PTERODISCUS aurantiacus
PTERODISCUS kellerianus
PTERODISCUS luridus
PTERODISCUS ruspolii
PTERODISCUS species
PTERODISCUS speciosus

PYRENECANTHA kaurabassana
PYRENECANTHA malvifolia ( TREMATOSPERMA cordatum )
PYRENECANTHA ruspoli
PYRENECANTHA vitifolia

RAPHIONACME burkei
RAPHIONACME daronii
RAPHIONACME elata
RAPHIONACME flananganii
RAPHIONACME galpinii
RAPHIONACME irsuta
RAPHIONACME madiensis
RAPHIONACME monteiroae
RAPHIONACME procumbens
RAPHIONACME vignei

RECHSTEINERIA canescens ( SINNINGIA )
RECHSTEINERIA iarae ( SINNINGIA )
RECHSTEINERIA leucotricha ( SINNINGIA )
RECHSTEINERIA tuberosa ( SINNINGIA )

SARCOCAULON ciliatum
SARCOCAULON crassicaule
SARCOCAULON herrei
SARCOCAULON inerme
SARCOCAULON multifidum
SARCOCAULON paniculatum
SARCOCAULON patersonii
SARCOCAULON peniculinum
SARCOCAULON rigidum
SARCOCAULON vanderietiae

SCADOXUS multiflorus
SCADOXUS multiflorus var. multiflorus

SEDUM aizoon
SEDUM bupleurodes
SEDUM crassipes
SEDUM dumulosum
SEDUM fastigiatum
SEDUM frutescens
SEDUM himalense
SEDUM hobsonii
SEDUM kirilowii
SEDUM oxypetalum
SEDUM rosea
SEDUM tatarinowii

SEMPERVIVUM heuffelii

SENECIO cephalophorus ( KLEINIA )
SENECIO fulgens ( KLEINIA )
SENECIO oxyrtifolius ( KLEINIA )
SENECIO pendulus ( KLEINIA )
SENECIO sempervivus ( KLEINIA )
SENECIO stapeliiformis ( KLEINIA )
SENECIO tropaeolifolius ( KLEINIA )
SENECIO tuberosus ( KLEINIA )

SESAMOTHAMNUS guerichii
SESAMOTHAMNUS lugardii
SESAMOTHAMNUS rivae

SEYRIGIA humbertii

SPHALMANTHUS resurgens

STEPHANIA rotunda

TALINUM caffrum
TALINUM guadalupense
TALINUM paniculatum
TALINUM species ( provenienza : Transvaal )

TINOSPORA caffra

TRACHYANDRA saltii
TRACHYANDRA tortilis

TRICHODIADEMA barbatum
TRICHODIADEMA bulbosum

TRICYCLANDRA leandrii

TROCHOMERIA debilis

TURBINA sp.

TYLECODON buchholziana ( TYLECODON buchholzianus ) ( COTYLEDON )
TYLECODON ellephiae
TYLECODON grandiflora
TYLECODON hallii
TYLECODON luteosquamata
TYLECODON paniculata ( TYLECODON paniculatus ) ( COTYLEDON fascicularis )
TYLECODON papillaris
TYLECODON pearsonii ( COTYLEDON )
TYLECODON racemosa
TYLECODON reticulata ( TYLECODON reticulatus ) ( COTYLEDON )
TYLECODON reticulata ssp. ramosa
TYLECODON ramosa
TYLECODON scadens
TYLECODON schaeferiana ( TYLECODON schaeferianus ) ( COTYLEDON )
TYLECODON similis
TYLECODON striatus ( COTYLEDON )
TYLECODON wallichii ( COTYLEDON )

TYLOSEMA esculenta

UMBILICUS horizontalis
UMBILICUS rupestris

UNCARINA decaryi
UNCARINA grandidieri
UNCARINA roeoesliana

VELTHEIMIA capensis

ZEHNERIA punctata ( MELOTHRIA )

ZYGOSICYOS pubescens
ZYGOSICYOS tripartitus

XEROSICYOS pubescens
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------
3demoticons146ark8 3demoticons146ark8 3demoticons146ark8

Avatar utente
ricky
membro forum
membro forum
Messaggi: 324
Iscritto il: 11/09/2010, 23:51
Sesso: uomo
coltivo dal: 2005
Località: Roma

Re: parliamo di caudiciformi

Messaggio da leggere da ricky » 24/02/2011, 9:33

Spettacolare e bellissimo ho passato una bellissima ora per osservare e apprendere tutto quello che hai scritto davvero meraviglioso, bravo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Avatar utente
arteebotanica
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3351
Iscritto il: 02/05/2010, 22:23
Sesso: uomo
coltivo dal: 1985
coltivo in provincia di...: Treviso
clima: estati afose inverni a volte freddi e umidi
Località: loria TV
Contatta:

Re: parliamo di caudiciformi

Messaggio da leggere da arteebotanica » 24/02/2011, 13:10

Bellissimo lavoro e tanti complimenti, anche per la pazienza di averlo trascritto tutto qui, volevo solo fare degli appunti dato che da come è presentata la lista la si interpreta per completa, però non direi una lista completa, ci sarebbero anche alcuni delosperma, e anche altri trichodiadema e sphalmanthus ( phyllobolus),e forse anche altri generi, il barbatum mi lascia dei dubbi, a dire il vero sebbene le aizoaceae son la mia passione non ho ancora capito quale sia il trichodiadema barbatum, sia nei testi che su internet e in altre ricerche lo trovo sempre mostrato diversamente, comunque non mi sembra sia sua caratteristica essere caudiciforme, avresti una foto da mostrare? sarei curioso per capire un pochino, anche il tricho. densum sarebbe da inserire, poi bisognerebbe capire cosa si intende per caudiciformi, penso sia inteso tutte le forme non solo il caudice ma anche il troco e le radici, altrimenti sarebbero da togliere alcune piante,
bravo_2 bravo_2 bravo_2
ciao a tutti.
lorenzo stocco
http://www.arteebotanica.org il sito sulle aizoaceae
https://www.facebook.com/lorenzo.stocco#!/

Rispondi