Le Piante
 L'editoria
      L'associazione

 

Piante Grasse fascicolo 4 - Ottobre/Dicembre 2010 - Volume 30

 

 

Sommario 
 

 

Editoriale                                                               pag. 149
A. Manni

 

La selvaggia Bassa California                               pag. 150
A. Trevisan & M. Miglioli

 

Epithelantha, nuovi dati su ontogenia,
fertilità, simpatria, e revisione del genere          pag. 165
D. Donati & C. Zanovello

 

                                      Rubriche
La posta dei lettori: L. Stocco                                 pag. 188
Notizie dall’associazione:
La festa dello scambio: M. Fasolato                     pag. 190
Nuovo libro sul genere Agave                           pag. 191
L’angolo del neofita: E. D’Arcangeli                         pag 193

 

Schede (al centro staccabili)
G.Sleiter:  Echinopsis backebergii
                Mammillaria lenta

 
 
 
 Anna Trevisan & Mauro Miglioli
 
La selvaggia Bassa California
Gennaio - Febbraio 2010
  

Pachycereus pringlei

Pachycereus pringlei, con Mauro ai piedi del gigante, in località Santa Catarina a 500 m s.l.m.
 
... La gita a Santa Catarina e stata senz’altro quella che ci ha regalato la visione dei più intatti e selvaggi paesaggi del Desierto el Vizcaino e di El Valle de los Cirios. I Pachycereus pringlei e le Fouquieria columnaris, cosi come i Pachycormus discolor sono i piu alti e maestosi incontrati durante tutto il viaggio e con i Ferocactus e Lophocereus formano veri mutevoli giardini incantati dove non mancano di essere suggestive anche le rocce e i massi di chiaro granito. ...

   

Asclepias albicans

 Aslepias albicans in località La Gringa
 
... La visita il mattino seguente alla localita di costa di La Gringa ci regalera ancora paesaggi bellissimi, arcobaleni, scorci di sole e il ritrovamento di Asclepias albicans in fiore tutta percorsa tra i suoi fiori da infaticabili formiche. ...

   

coda balena_grigia

La coda di una balena grigia nella Laguna di Ojo de Liebre

 

... ed eccoci nel luogo di avvistamento delle balene. Si spegne il motore del panga e si rimane in attesa. Le balene sono quasi un centinaio e ci girano tutto attorno. Nel silenzio si resta colpiti dai rumori provocati dai continui sbuffi d’aria, poi si assiste all’inarcamento delle balene e per ultimo al colpo di coda con il quale si tuffano interamente sotto il pelo dell’acqua. Indescrivibile! ...

 

 

Davide Donati & Carlo Zanovello

Epithelantha F.A.C. Weber ex Britton & Rose
Nuovi dati su ontogenia, fertilità, simpatria e revisione del genere

 

Introduzione
...
Il presente studio si pone appunto l’obbiettivo di chiarire il rapporto tra E. micromeris, E. bokei  e le entità greggii, pachyrhiza, polycephala, unguispina, ecc., ma anche alcune piante particolarmente interessanti che attualmente è possibile incontrare negli stati messicani di San Luis Potosi e Nuevo Leon.
Recenti studi hanno messo in evidenza come le fasi giovanili delle Cactacee (Donati, 2003; Donati&Zanovello, 2004) e lo sviluppo delle spine (Mosco&Zanovello, 2003; Mosco, 2009) possano essere un utile strumento nella distinzione e la classificazione di piante apparentemente identiche una volta adulte.
Considerando le grandi variazioni morfologiche che le Cactacee dimostrano dalla germinazione fino alla prefioritura (le piante epifite ne sono un esempio lampante), considerando che plantule appartenenti a questa famiglia sono soggette per anni ad una fortissima selezione naturale e ipotizzando che anche presso i vegetali l’ontogenia possa reiterare la filogenesi dell’organismo stesso, e nostro parere che le fasi giovanili siano da considerare come caratteri importanti anche per il genere Epithelantha.
L’anatomia delle spine della famiglia Cactaceae e molto semplice: esse sono foglie modificate o stipule che presentano solo due tipi di tessuti, cioè un’epidermide sclerificata ed uno sclerenchima sottostante (Mauseth, 2006); la micromorfologia della stessa epidermide delle spine è particolarmente variabile, come evidenziato da Schill et al. (1973).
Di conseguenza, in questo lavoro verranno studiate macroscopicamente e microscopicamente la morfologia generale e lo sviluppo delle spine in una fase giovanile particolarmente significativa per il genere, la prefioritura, prima cioè che le spine apicali di ogni areola inizino a svilupparsi più lunghe e fragili delle restanti, sinonimo di una raggiunta maturità sessuale.

 

Introduction

...

This study has the goal to clarify the relationship between E. micromeris, E. bokei and the entities pachyrhiza, polycephala , unguispina, etc.., but also with some very interesting plants growing in the Mexican states of San Luis Potosi and Nuevo Leon.

Recent studies have highlighted that juvenile growth (Donati, 2003; Donati & Zanovello, 2004) and spines development (Mosco & Zanovello, 2003; Mosco, 2009) can be useful tools to distinguish and to classify Cactaceae that are very similar when adult.

Considering the evident morphological changes that cacti show from germination to sexual maturity (epiphytic plants are a prime example), considering that cactus seedling are subjected, during year, to strong evolutive pressure before getting adult stage, and assuming that, even in the plants, ontogeny could repeat the phylogeny of the organism, it is our opinion that juvenile phase should be regarded as an important character for the genus Epithelantha, above all the immature spine anatomy.

The anatomy of the spines of the family Cactaceae is very simple: they are modified leaves or stipula with only 2 types of tissues: sclerified epidermis and sclerenchyma (Mauseth, 2006); the micromorphology of the epifotocadermis of the spines is quite variable, as evidenced by Schill et al (1973).

Consequently, in this study will be studied macroscopically and microscopically the general morphology and spine development in the most significant juvenile stage for the genus Epithelantha, the pre-flowering, i.e. before the upper spines of each areola start to grow longer and fragile, synonymous of reached sexual maturity.

  
Epithelantha unguispina Epithelantha unguispina_areola_giovanile
E. unguispina, e particolare dell'areola giovanile/and juvenile areola.

 

5. Epithelantha unguispina
Adulto, caratteristiche generali: Corpo globoso, accestente con l’età, >8 cm d’altezza, 7 cm Ø; radice fibrosa; spine 18-26, bianche-grigiastre con base gialla, disposte su 1-3 strati, le inferiori nell’areola più lunghe, con tipica spina inferiore lunga fino ad 1 cm, pungente e con apice nero opaco, brunastre, aspetto irsuto ma non pungente;
Semenzali: Corpo globoso; radice fibrosa; spine 16-22, lunghe 1-2,5 mm, striate nel senso della lunghezza, chiaramente pettinate, unico strato di spine aderente sul corpo, le inferiori più lunghe, appiattite, base giallo aranciata; ciascuna spina ha una stria mediana traslucida discretamente pigmentata in particolar modo all’apice, associata a bordi opachi, bianchi, dove è evidente il disgregamento furfuraceo del sottile strato epidermico esterno.
Antesi: da fine febbraio a giugno, fiore rosa intenso. Molto fiorifera
Fertilità: autosterile.
Distribuzione: limitata, dall’abitato di Santa Caterina, a Est di Monterrey (NL, MEX) a Mina de Hidalgo, a Nord della stessa città.
Simpatria: convive con il taxon micromeris, vedi scheda relativa, nessun ibrido rilevato
Ecologia: la pianta cresce in zone scoscese, su roccia calcarea.

 

- Epithelantha sp. “huastecana”
Adulto, caratteristiche generali: Corpo globoso, accestente con l’età, >8 cm d’altezza, 7 cm Ø; radice fibrosa; spine 25-38, bianche-grigiastre con base gialla, disposte su 1-3 strati, sottili, le inferiori dell’areola più lunghe, con una spina più allungata ma aderente al corpo, grigiastre, aspetto regolare;
Semenzali: Corpo globoso; radice fibrosa; spine 18-26, lunghe 1-2,5 mm, striate nel senso della lunghezza, chiaramente pettinate, unico strato di spine aderente sul corpo, le inferiori più lunghe, molto sottili, appiattite, base giallo aranciata; ciascuna spina ha una stria mediana traslucida discretamente pigmentata in particolar
modo all’apice, associata a bordi opachi, bianchi, dove e evidente il disgregamento furfuraceo del sottile strato epidermico esterno.
Antesi: da fine febbraio a giugno, fiore rosa intenso. Molto fiorifera
Fertilità: autosterile.
Distribuzione: molto limitata, ristretta al Canon Huasteca, ad Ovest di Monterrey (NL, MEX)
Simpatria: nessuna
Ecologia: la pianta cresce negli interstizi tra le scoscese rocce calcaree che formano il canyon.

 

Su E. unguispina e taxa affini
I taxa unguispina e huastecana hanno caratteristiche morfologiche, ecologiche e fisiologiche molto vicine l’una all’altra, dimostrando una parentela diretta. Esse condividono con E. micromeris la morfologia giovanile, tanto da esserne difficilmente distinguibili, ma la loro autosterilità e l’assenza di ibridi laddove il taxon unguispina condivide l’habitat con E. micromeris escludono una loro cospecificità.

   
Epithelantha unguispina_subsp_huastecana

Epithelantha unguispina_subsp_huastecana_areola_giovanile

 

 E. unguispina subsp. huastecana, e particolare dell'areola giovanile/and juvenile areola.

  

5- Epithelantha unguispina
Adult: body globose, clustering with age, > 8 cm tall, 7 cm diameter; root fibrous; spines18-26, grayish-white with yellow base, arranged in 1-3 layers, the lower longer, with a typical spine pointing downward up to 1 cm long, pungent, with black tip; very bristly appearance.
Immature plant: body globose: root fibrous; spines 16-22, 1-2.5 mm long, clearly pectinate, single layer of spines per areola, flattened, white with yellow base, with a central translucent mid stripe, with opaque margins, the lower longer; on the margin is evident a furfuraceous desquamation of epidermis.
Anthesis: late February-June, with deep pink flowers. Very floriferous
Fertility: obligate allogamous.
Distribution: limited, from the town of Santa Caterina, east of Monterrey (NL, MEX) to Mina de Hidalgo, north of Monterrey
Sympatry: it grows with taxon micromeris, see above, no hybrid found.
Ecology: the plant grows in cracks of limestone rock.

 

- Epithelantha sp. “huastecana”
Adult: body globose, clustering with age, > 8 cm tall, 7 cm diameter; root fibrous; 25-38 spines, 4-6 mm, grayish-white with yellow base, arranged in 1-3 layers, thin, the lower longer, with a spine 7 mm long adpressed at the body, grayish; regular appearance.
Immature plant: body globose, roots fibrous, spines 18-26, 1 to 2,5 mm long, clearly pectinate, single layer of spines per areola , flattened, white with yellow base, with a central translucent mid stripe, with opaque margins, the lower spines longer; on the edges is evident a furfuraceous scaling of the epidermis.
Anthesis: late February-June, with deep pink flowers. Very floriferous.
Fertility: obligate allogamous.
Distribution: limited, restricted to the Huasteca Canyon, west of Monterrey (NL, MEX)
Sympatry: none
Ecology: the plant grows in the cracks of the calcareous cliffs forming the canyon.

 

On Epithelantha unguispina and related taxa
The taxa unguispina and huastecana are morphologically, ecologically and physiologically very close, showing a direct relationship. The structure of the spine of immature specimens is similar to E. micromeris, and only when adult they are distinguishable, but they are obligate outcrosser, and the absence of hybrids where the taxon unguispina grows almost intermingled with E. micromeris are factors that exclude a cospecificity.

   

E pachyrhiza

Foto originale di Marshall di E. pachyrhiza subsp. pachyrhiza: l’esemplare a destra corrisponde bene alle piante rinvenute da Donati a sud di Santillo.
Picture by Marshall of E. pachyrhiza subsp. pachyrhiza: the specimen on the right is very similar at the plants found by Donati South of Saltillo.