Le Piante
 L'editoria
      L'associazione

 

Piante Grasse fascicolo 4, Ottobre-Dicembre 2014 - volume 34

Copertina 4 2014

Parco dell’Isalo, Pachypodium rosulatum

var gracilius - foto Miguel A. Di Toma

                    Sommario

- Lithops e altre piante xerofite africane come strumento
didattico nei musei e orti botanici
  di Gionata Stancher
     
- I Sempervivum nella letteratura latina 
  di Marco Cristini

- La storia della mia passione di Bruna Marzullo 

- Il parco dell’Isalo  di Mario Fasolato & Maria Luigia Pinton

- Esperienze di coltivazione
  Le avversità delle piante succulente
I parassiti
  di Emilio Capacci

 

Gionata Stancher
Lithops e altre piante xerofite africane
come strumento didattico nei musei e orti botanici
L’esperienza della collezione di Lithops presente presso il Museo Civico di Rovereto (Trento)
                                                                                Foto dell’autore

Serra Lithops

 Visione interna della serra

 

... Mi spingo anzi a sostenere che compito del museo (ma anche di un orto botanico o di qualsiasi istituzione votata alla raccolta di reperti o dati biologici a supporto dell’attività culturale e didattica) dovrebbe essere non solo quello di farsi carico della trasmissione di queste nozioni, ma pure di individuare modalità comunicative innovative e diverse da quelle tradizionalmente scolastiche, in quanto la maggiore flessibilità di queste istituzioni museali, rispetto alle altre, è tale da consentire ed anzi favorire un simile slancio creativo, qualora voluto e cercato. ...

... 

... Ma comprendere il valore delle differenze individuali presenti entro le popolazioni è essenziale anche per capire, alla base, il meccanismo dell’evoluzione per selezione naturale: l’ambiente seleziona infatti le varianti più adatte ed è su questa base che si realizza l’evoluzione della specie. Una raccolta che contasse un solo esemplare per specie avrebbe ben poco da dirci in proposito e questa carenza è, invero, un difetto di quasi tutte le collezioni ospitate negli orti botanici. ...

Serra Lithops e bimbi

Una classe di scuola primaria in visita alla serra

 

Marco Cristini
I Sempervivum
nella letteratura latina

                                                                      foto dell'autore

Fiore Sempervivum

Fiore di Sempervivum arachnoideum

 

... I Sempervivum, oltre che in Plinio e Columella, compaiono sporadicamente in alcune opere mediche di autori latini minori. Lo Pseudo-Apuleio, nel suo De medicaminibus
herbarum consiglia l’herba sempervivum per curare la podagra. Marcello Empirico (un romano originario di Bordeaux che visse tra il IV e il V secolo) usa il termine aizoon nel suo 

De medicamentis. ...

... 

Carlo Magno, infatti, nell’812 emanò un importante documento, il Capitulare de villis vel curtis Imperii. In quest’opera si comanda: “Il contadino abbia sopra la sua casa la barba
di Giove” (70). I motivi che spinsero re Carlo a emanare questo bizzarro ordine possono solo essere ipotizzati. I sempervivum avevano proprietà mediche e, come i sedum,
si pensava che potessero tenere lontani i fulmini. ... 

   

Casa con Sempervivum

Sempervivum tectorum orna il tetto di una casa
nel Kräuterbuch di Johannes Hartlieb

 

Emilio Capacci
Esperienze di coltivazione
Le avversità delle piante succulente
I parassiti

                                                                                     foto dell'autore

Cocciniglie Cocciniglie cotonose viste da vicino

Le cocciniglie che, principalmente, attaccano le piante succulente (Appartengono all’ordine dei Rhynchota, comunemente chiamati “Rincoti”, e alla superfamiglia Coccoidea) si dividono in cocciniglia a scudetto (Ceroplastes cirripediformis), cocciniglia cotonosa (Hyppogeococcus pungens) e cocciniglia delle radici (Rhizoecus falcifer). I maschi sono più piccoli delle femmine sono provvisti di ali e vivono per il breve tempo che serve loro per fecondare le femmine, infatti, hanno l’organo boccale atrofizzato. ...

Parco Isalo

Parco dell’Isalo, quando la natura diventa artista: il teschio