Le Piante
 L'editoria
      L'associazione

 

Cosa sono le piante succulente?

Cosa sono le piante succulente?

Gianfranco Rovida

Nel corso dei millenni, alcune piante hanno dovuto adattarsi a vivere in ambienti aridi, in cui le pioggie sono scarsissime o sono li­mitate a un breve periodo dell'anno, quindi con lunghi periodi di siccità. L'adattamento all'ambiente arido ha in genere portato ad adattare i normali organi della pianta, come il fusto, le radici o le foglie, in modo da farli diventare dei serbatoi di succo. Questa ca­ratteristica di immagazzinare liquidi nei tessuti è denominata «suc­culenza» e le piante che la possiedono si dicono perciò «succulente», anche se sono più comunemente note come «piante grasse». Oltre ai cactus, che sono le piante succulente per eccellen­za, si conoscono una cinquantina di famiglie di piante che presen­tano uno o più specie succulente nel fusto o nelle foglie. Con l'adat­tamento agli ambienti aridi, le specie succulente hanno il vantag­gio di dover competere meno con altre specie di piante, al contrario di quello che succede nelle località ricche di vegetazione dove mol­te specie devono lottare tra loro per accaparrarsi la luce o i sali mi­nerali necessari per il nutrimento.

A0111-HABITAT-COPIAPOA

Le località aride dove si incontrano le specie succulente hanno in genere la caratteristica comune di una forte insolazione, con alte temperature diurne e forte abbassamento della temperatura di not­te; in certi luoghi, questo abbassamento notturno permette la for­mazione di rugiada, che spesso è l'unica forma di umidità a disposi­zione delle piante. In altri luoghi, si hanno delle piogge violente che durano pochi giorni, seguite da uno o più anni di completa sic­cità: in questi casi, le succulente devono essere capaci di assorbire velocemente l'acqua e di risparmiarne poi il consumo durante i lunghi periodi di siccità. Per queste esigenze, molte specie succu-lente hanno sviluppato, anche in continenti diversi, forme tali da diminuire la superficie esposta all'aria. Tipica è la eliminazione delle foglie, come si ha nei cactus: quello che vediamo di queste piante è infatti il solo tronco, il quale, oltre che fare da riserva di li­quido, è verde perché svolge anche il compito della sintesi clorofil­liana, cioè quello di trasformare anidride carbonica e acqua in zuc­cheri sfruttando la luce, compito che nelle piante è normalmente svolto dalle foglie. Altro esempio di risparmio di acqua è la forma sferica o ovoidale adottata dal fusto di diverse specie succulente: la forma sferica è infatti quella che permette il massimo volume con la minima superficie esposta. Tipico è il caso di molte cactacee (che sono limitate al continente americano), ma anche di altre specie del continente africano, come l'Euphorbia obesa.

echinocactus

 

 

echinocactus, un esempio di succulenta globosa

 

 

 

 

Mentre molte succulente accumulano acqua nei tessuti del fu­sto (tipico è l'esempio dei cactus), altre la accumulano nelle foglie, che allora diventano a loro volta rigonfie, tendendo spesso a forme cilindriche o ovoidali e in alcuni casi quasi sferiche, esempio tipico sono le Crassulaceae o meglio le Aizoaceae con i lithops (i cosidetti sassi fioriti) e altre specie che portano all'estremo la succulenza fogliare.

lithops-otzeniana

 

 

 

lithops otzeniana, un esempio estremo di succulenza fogliare

 

 

 

 

Un'altra esigenza comune alle diverse specie di piante grasse è quella di difendersi dalla forte insolazione. Un modo per ripararsi dal forte riscaldamento dovuto alla radiazione solare, è quello di sviluppare un rivestimento di peluria o uno strato ceroso bianco o bluastro (pruina), specialmente nei punti dove si formano i nuovi germogli.

rebutia

 

 

rebutia, le sue sottilissime e fitte spine servono molto bene per ripararsi dai raggi solari troppo intensi

 

 

 

 

Un altro espediente è quello di svilup­pare un serbatoio di acqua sotterraneo, come avviene in quelle spe­cie che presentano grosse radici a rapa. In altri casi come nei Lithops dei deserti del Sudafrica, noti come «pietre viventi», il corpo della pianta si ritira quasi completamente sotto il livello del suolo, lasciando esposta solo una piccola parte per ricevere la quantità di luce solare.necessaria alla sintesi clorofilliana.

caudiciformi

 

 

alcune caudiciformi con la parte basale e  radicale ingrossata, in natura è totalmente soterranea ma in coltivazione sia per la bellezza, che per evitare marciumi viene tenuta sopra il livello del terreno 

 

 

 

 

 

 

Ma per una pianta grassa vi è anche l'esigenza di difendersi dai predatori: la polpa succosa costituisce infatti una forte attratti­va per molti animali che devono sopravvivere nei deserti. Ecco per­ché molte piante grasse hanno sviluppato delle robuste spine che coprono più o meno fittamente il corpo. Altre specie contengono nel loro succo delle sostanze velenose che scoraggiano i predatori. Altre ancora sono ricorse al mimetismo, cioè hanno sviluppato del­le forme e dei colori che le rendono difficilmente distinguibili dalle pietre in mezzo a cui vivono.

lithops-julii

 

 

le lithops hanno disegni molto diversi a secondo della specie e dell'ambiente in cui vivono, servomo per mimetizzarsi col terreno e le pietre che gli stanno attorno, non avendo spine per la difesa

 

 

 

Molto varie sono quindi le forme raggiunte dalle piante grasse per adattarsi agli ambienti aridi. Ed è proprio dalle loro forme strane che deriva in gran parte il fascino di queste piante. Bisogna però tener presente che, proprio per il fatto che sono piante adatte a vivere in ambienti molto particolari, esse richiedono dei criteri di coltivazione diversi da quelli delle altre piante. Prima di tutto esse richiedono molta luce. Secondo, poiché consumano pochissima ac­qua e hanno radici che facilmente marciscono se tenute troppo ba­gnate, richiedono annaffiature molto meno frequenti e terreni che non rimangono inzuppati di acqua troppo a lungo. Terzo, poiché sono in genere piante dalle crescita lenta, richiedono meno sostan­ze nutrienti nel terreno: un eccesso di fertilizzanti, specialmente quelli azotati, le può far gonfiare eccessivamente rendendole più facilmente preda di malattie come il marciume; e comunque, i fer­tilizzanti non utilizzati dalla pianta possono accumularsi rendendo il terreno inadatto alla crescita armonica della pianta.

HABITAT-COAHUILA-LAG