Le Piante
 L'editoria
      L'associazione

 

Cactus delle foreste Epiphyllum e non solo

Share
Emilio Capacci
Cactus delle foreste
Epiphyllum e non solo
Speciale Epiphyllum copertina

Sommario

1. Introduzione                                                pag. 1
2. Cactus delle foreste                                   pag. 2
3. Area geografica di provenienza               pag. 4
4. Un po’ di storia                                            pag. 5
5. Descrizione                                                  pag. 6
6. Specie botaniche di Epiphyllum               pag. 7
7. Generi affini al genere Epiphyllum          pag. 24
8. Disocactus                                                   pag. 25
9. Hylocereus                                                  pag. 30
10. Differenza tra ibrido e cultivar              pag. 34
11. Ibridazione e Ibridi                                  pag. 36
12. Alcuni Ibridi                                               pag. 40
13. La coltivazione                                         pag. 46
14. Bibliografia                                                pag. 52

 

Introduzione

...

Nell’immaginario comune i cactus vivono nelle zone aride e desertiche delle Americhe, come il già citato deserto di Sonora in Arizona, le Sierre del Messico, il deserto di Secura in Perù, quello di Atacama in Cile considerato il più asciutto del mondo.
Fanno eccezione diverse specie di cactus che vivono nelle foreste tropicali dell’America centrale, dal sud del Messico al nord del Brasile. Sono cactus epifiti che vivono aggrappati agli alberi delle dense foreste o lungo i dirupi rocciosi; tra questi ci sono gli Epiphyllum ma non solo,...

Epiphyllum guatemalense

Epiphyllum guatemalense

 

Epiphyllum phyllanthus (L.) Haw.

Epiphyllum phyllanthus

Si presenta come un cespuglio molto ramificato, i fusti principali sono legnosi, lunghi stretti e affusolati con 3-4 angoli. Le ramificazioni sono anch’esse affusolate alla base con tre angoli ma poi, dopo pochi cm, diventano piatte e sottili, raramente sono trilobate; i rami piatti sono larghi e ottusi a volte fino a 7 cm, di un verde brillante col margine viola grossolanamente seghettato con denti ottusi. I fiori bianchi e notturni, hanno un ricettacolo sottile e slanciato lungo da 25 a 30 cm con piccole bratteole sparse in modo disordinato; lo stilo, rosato, è lungo ed esile; gli stami sono esili e corti; i lobi dello stigma sono bianchi e brevi. I frutti, di un rosso brillante, sono oblunghi (7-8 cm), all’interno vi si trova una polpa bianca con numerosi semi neri reniformi.  ...

 

                                                               Disocactus ackermannii (Haworth) Barthlett
Disocactus ackermanniiRaccolto in Messico da G. ACKERMAN nel 1824, portato in Gemania e coltivato dallo stesso ACKERMAN, giunto a fioritura fu confrontato con una pianta ottenuta da semi raccolti in Messico: risultando uguale, fu poi descritta nel 1829 da HAWORTH come Disocactus achermannii. Per alterne vicissitudini questa pianta fu poi persa in coltivazione.
...
Nel 1943 Charles GILLES riscoprì la specie in una foresta quasi impraticabile nei pressi di Jalapa in Guatemala, ne portò con se alcune talee che coltivate furono confrontate con la specie descritta da BRITTON & ROSE, cosi risultò che la specie descritta in “The Cactaceae” come ackermannii era un ibrido che oggi è chiamato: Epiphyllum x hybridus “Ackermannii”.


                                                                       Hylocereus undatus
Hylocereus undatusE’ originario del continente americano come tutti i cactus, probabilmente è originario del Messico, ma non è certo il luogo esatto, addirittura, alcuni botanici credono che possa essere un ibrido. E’ coltivato nei paesi dell’est e del sud dell’Asia, come Cambogia, Thailandia, Taiwan, Malaysia, Vietnam, Sri Lanka, Filippine e Bangladesh, ma si trova anche ad Okinawa, nelle Hawaii, in Israele, Australia del nord, nella Cina del sud e a Cipro.
I frutti commercializzati sono chiamati Pitaya o Pitahaya ma sono anche conosciuti come “frutti del drago”.

 


Alcuni ibridi

Epiphyllum x hybridus Ackermannii Epiphyllum x hybridus “Ackermannii”

Epicactus “CLOWN”

Epicactus CLOWNQuesto ibrido, dalla crescita molto vigorosa, ha magnifici fiori con petali sovrapposti a mo’ di piattino, bianchi al centro con screziature color lampone, mentre i sepali esterni sono di colore rosso. E’ stato ibridato da Phillis FLECHSIG e usato per altri incroci fin dalla sua creazione.

 

Epicactus frutto di incroci di un socio

Epicactus frutto di incroci di un socio

 

 

 

Share