Le Piante
 L'editoria
      L'associazione

 

XXXIII Congresso Nazionale dell'AIAS - Verbale assemblea

Share
XXXIII Assemblea Nazionale AIAS - verbale
 
Ravenna 17 giugno 2017
Ordine del giorno:
1 – Comunicazioni del Presidente ed adempimenti procedurali.
2 – Relazione del Segretario Nazionale.
3 – Elezione della Direzione Nazionale per il quadriennio 2017-2021.
4 – Elezione del collegio dei Probiviri
5 – Varie ed eventuali
 
Il Presidente propone i soci: Anna Trevisan, Renato Menegotto e Venere Scaranna quali componenti la Commissione elettorale. L’Assemblea approva all’unanimità.
Il Presidente propone il socio Marco Cristini alla funzione di segretario. L’Assemblea approva all’unanimità.
I seggi per la votazione individuale si aprono alle 10:15 e si chiudono alle 10:45.
Dà inizio ai lavori il presidente uscente Alberto Manni, il quale dice che l'associazionismo sta conoscendo una profonda crisi a causa della crescente diffusione di internet e dei social media, che riducono i contatti interpersonali e rendono più difficile la vita di associazioni come l'AIAS. Per questo è motivo di soddisfazione che l'AIAS sia ancora un'organizzazione attiva e vivace, nonostante il contesto socio-culturale poco propizio. Le recenti norme legislative sul terzo settore potrebbero però avvantaggiare l'AIAS, per questo Manni auspica che i nuovi dirigenti e i soci colgano quest'opportunità e contribuiscano efficacemente alla diffusione di una maggiore consapevolezza ecologica.
 
Mario Fasolato presenta poi un breve riassunto dell'andamento dell'AIAS negli ultimi anni. Gli iscritti sono passati da 490 (di cui paganti 451) del 2014 a 400 (di cui paganti 359) del 2016, con una diminuzione costante, il problema è comune a tutte le associazioni che si occupano di tematiche ambientali. Per invertire questo andamento occorrerebbe un maggiore impegno da parte delle singole sezioni, al fine di far crescere il numero dei soci, magari organizzando mostre e corsi sulla coltivazione delle succulente. Il calo degli iscritti ha importanti conseguenze sul bilancio, che è prevalentemente basato sulle quote associative e sulla vendita di pubblicazioni, anche se oggi si stampano 500 riviste, meno che in passato, il che ha permesso di chiudere il bilancio in sostanziale parità, con un risparmio non trascurabile rispetto agli anni precedenti.
Per accrescere la notorietà dell'AIAS sarebbe utile aumentare la cooperazione con riviste e associazioni straniere, magari inserendo un breve inserto che pubblicizzi gli scopi e le pubblicazioni dell'AIAS in alcuni giornali stranieri dedicati alle succulente. Sarebbe altresì auspicabile creare delle sinergie con le altre realtà italiane che si occupano di succulente, ma iniziative di questo tipo hanno finora riscosso scarso successo presso gli altri interlocutori. Altra prospettiva interessante è accrescere il numero delle sezioni, ad esempio creandone una per la Toscana.
Diversi soci hanno espresso il desiderio di leggere più articoli sulle esperienze di coltivazione ed è inoltre opportuno contattare esperti stranieri di succulente per far sì che pubblichino qualche loro contributo su Piante Grasse.
 
Emilio Capacci suggerisce di favorire la partecipazione dell'AIAS alle manifestazioni sul giardinaggio già esistenti piuttosto che creare nuove mostre, un'attività ben più onerosa.
 
Si apre quindi la discussione coi soci. Maria Luigia Pinton propone di stimolare l'interesse dei giovani per l'associazione con mostre e iniziative didattiche rivolte anche a ragazzi e bambini. Vanda Del Valli concorda, ma osserva che è sempre difficile convincere gli appassionati di piante a iscriversi. Alessandro Golinelli sottolinea l'importanza della didattica, specialmente negli istituti tecnico-agrari. Propone poi di pubblicare inserzioni sponsorizzate sui social network, destinandole in modo mirato agli appassionati di succulente. Cristini propone di inviare una copia della rivista alla Fachgesellschaft Anderen Sukkulenten, in modo tale che un breve riassunto degli articoli, realizzato dai membri della società tedesca, possa apparire sul periodico elettronico dell'associazione germanica. Massimo Afferni suggerisce poi di creare una federazione di associazioni che si occupano di succulente lasciando la rivista cartacea all'AIAS e, ad esempio, Cactus & Co potrebbe occuparsi della rivista su internet. Franco Rosso invita a valorizzare la storia e la lunga durata dell'associazione, che sono fonte di prestigio e reputazione. Manni pone l'accento sulle risorse umane, che devono essere considerate più importanti dell'orgoglio identitario. Propone inoltre che l'AIAS partecipi a bandi pubblici e ad attività di crowdfunding.
 
Terminato lo spoglio dei voti, la presidentessa della commissione elettorale, Anna Trevisan, annuncia i risultati delle elezioni:
Presidente: Vanda Del Valli voti 61; Emilio Capacci voti 3; Pietro De Checchi voti 2.
Vicepresidente: Alessandro Golinelli voti 32; Franco Rosso voti 28; Vanda Del Valli voti 3.
Segretario: Emilio Capacci voti 67; Franco Rosso voti 1.
 
Prendono quindi la parola i dirigenti appena nominati. La presidentessa neoeletta, Vanda Del Valli, invita a mettere da parte i dissapori e a concentrarsi sull'entusiasmo dei soci per le succulente e per la vita associativa. Emilio Capacci promette di impegnarsi al massimo delle sue possibilità nel suo nuovo ruolo. Alessandro Golinelli auspica che la nuova dirigenza possa contribuire ad accrescere il numero dei soci e il prestigio dell'associazione.
 
Franco Rosso viene poi eletto all'unanimità redattore della rivista. Alberto Manni e Mario Fasolato sono quindi nominati soci benemeriti all'unanimità. Sono eletti all'unanimità probiviri Graziella Pluchino, Anna Trevisan e Katia Lega.
 
Manni propone che la nuova direzione trovi un modo di premiare coloro che sono iscritti all'associazione da più di trent'anni, mozione approvata all'unanimità. Propone altresì di delegare la presidenza a comporre un documento che evidenzi il valore associativo dell'AIAS, che promuova una maggiore presenza dell'AIAS sui social network, in internet e sulle altre riviste e che incoraggi la cooperazione con altre associazioni italiane dedicate alle succulente, mozione approvata all'unanimità.
 
Chiusura: ore 12:00.
Il segretario                                  
Marco Cristini     
Share